Governo ancora ko alla Camera: Fli e Udc votano contro

1' di lettura

E' bastato un emendamento del partito di Casini per fare andare ancora "sotto" la maggioranza in Aula. Il testo votato riguardava la riforma dell'Università, proprio nel giorno delle proteste di studenti e ricercatori in tutta Italia

Guarda anche:
Beautiful Lab: la relazione Fini-Berlusconi in 4 minuti
Fini, Berlusconi e il Pdl. LE FOTO
Berlusconi e la maledizione dei presidenti della Camera

Governo battuto alla Camera su un emendamento dell'Udc all'articolo 6 della riforma dell'Università. Futuro e libertà per l'Italia ha votato con Udc, Pd e Idv, e i suoi voti sono stati determinanti. L'emendamento, su cui c'era il parere contrario del governo, è passato con 284 sì, 254 no e cinque astenuti. L'ennesimo colpo alla maggioranza arriva in una giornata in cui in tutte le grandi città italiane si sono svolte manifestazioni proprio contro la riforma Gelmini.

L'emendamento prevede che il Ministero dell'Istruzione di concerto con il dicastero della Salute senta anche "la conferenza dei presidi delle facoltà di medicina riguardo alle strutture cliniche e di ricerca traslazionale necessarie per la formazione nei corsi di laurea di area sanitaria", oltre il previo parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni, le province autonome di Trento e Bolzano, per predisporre - come recita il comma - lo schema tipo delle convenzioni al quale devono attenersi le università e le regioni per regolare i rapporti in materia di attività sanitaria svolta per conto del servizio sanitario nazionale entro 120 giorni dall'entrata in vigore della legge".

Tutti i video sulla crisi interna alla maggioranza

Leggi tutto