Consiglieri ubriachi in chiesa: “Ma quali dimissioni?”

Fabrizio Dalcerri (primo a sinistra) e Antonio Buono (al centro), consiglieri comunali di Lega e Pdl a Opera, nel video che li ritrae all'interno della cattedrale di Monaco di Baviera
1' di lettura

Dopo l'addio annunciato degli esponenti di Lega e Pdl ripresi in un video tra birra e volgarità davanti all'altare, a Opera l'opposizione protesta: "Episodio disgustoso, non sono adatti alla carica pubblica". I due si difendono: siamo cattolici convinti


di Cristina Bassi

“Il messaggio che è passato è che dopo il disgustoso episodio della cattedrale di Monaco i consiglieri Dalcerri e Buono si sono dimessi: non è così, le dimissioni non ci sono state”. Arianna Censi, consigliere di centrosinistra a Opera, dove il video degli esponenti della maggioranza ubriachi in chiesa dopo l’Oktober fest ha scatenato una bufera politica oltre che mediatica, non ci sta a chiudere tutto a tarallucci e vino. “Quelle dei colleghi di Lega e Pdl sono state dimissioni annunciate in attesa che passi la tempesta – sottolinea –, una finta, ma alla fine tornerà tutto come prima”.

L’opposizione operese non ha intenzione di lasciar correre. “Faremo di tutto perché si dimettano davvero e vengano sostituiti – continua Arianna Censi –, hanno mostrato a tutta l’Italia un lato pessimo del nostro paese, è intollerabile, come se il caso dell’incendio al campo rom non fosse bastato (episodio del 2006 per cui l’attuale sindaco, Ettore Fusco, è stato rinviato a giudizio e poi assolto, ndr). Chiederemo le dimissioni con una mozione in Consiglio, Dalcerri e Buono non sono adatti a ricoprire cariche pubbliche”. La speranza (vana) del centrosinistra è che alla riunione del 25 novembre i due consiglieri arrivino già da ex.

Fabrizio Dalcerri e Antonio Buono non rilasciano dichiarazioni ufficiali, ma si preparano alla riunione del Consiglio, in cui si deciderà sul loro futuro politico. Chiederanno di nuovo scusa per l’ “errore”, ma se l’assemblea si esprimerà a maggioranza per respingere le dimissioni, rimarranno probabilmente al proprio posto. “Il gossip ha superato la politica”, attaccano, danno la colpa al troppo alcol e confermano di credere nei valori cattolici alla base della linea dei loro partiti. “Dalcerri ha persino presentato una mozione per l’esposizione del crocifisso nelle scuole, piena di riferimenti ai valori dell’identità cristiana – sottolinea Arianna Censi –. Dobbiamo pensare che ci ha presi in giro? Chi crede davvero in quei valori non si sarebbe mai permesso di entrare in chiesa ubriaco”.

Leggi tutto