Albertini sindaco di Milano? "Non spetta a me decidere"

Gabriele Albertini
1' di lettura

L'ex primo cittadino non esclude di tornare in pista per le prossime comunali, ma aggiunge: "Il via libera spetta a qualcun altro". E se il vincitore delle primarie del centrosinistra Pisapia si dice tranquillo, dal Pdl traspare più di una preoccupazione

L'ipotesi circolava già da qualche mese . Adesso, dopo la vittoria di Pisapia alle primarie del centrosinistra a Milano (che secondo molti avrebbe spostato troppo a sinistra il baricentro della coalizione), rischia di diventare una possibilità concreta.
Gabriele Albertini potrebbe tornare a correre per la poltrona di sindaco di Milano, per succedere a Letizia Moratti, riconfermata quale candidata Pdl da una telefonata del premier Berlusconi .
E' lui stesso a non escluderlo. In un'intervista ai microfoni di CnrMedia, a domanda diretta, l'attuale parlamentare Pdl non si è schermito dietro la solita frase di circostanza.
Al contrario, non ha escluso affatto la possibilità, ma ha aggiunto che "il via libera spetta a qualcun altro".
Inevitabile che il riferimento sia al possibile "terzo polo", in fase di costruzione in questi giorni , che dovrebbe raggruppare intorno a sè gli uomini di Gianfranco Fini , Pierferdinando Casini e Francesco Rutelli .
L'ex sindaco di Milano ha anche detto che " da semplice cittadino", non potrebbe "mai votare Pisapia", che "è una degna persona", ma certo "non è il candidato che può suscitare un voto disgiunto".
E se l'ipotesi Albertini non spaventa Giuliano Pisapia , candidato del centrosinistra a Palazzo Marino ("non toglierà un solo voto al centrosinistra ma dividerà un centrodestra già diviso fra Pdl e Lega"), le voci del centrodestra appaiono un po' più allarmate.
L'attuale vicesindaco di Milano Riccardo De Corato (numero due anche durante i mandati dell'ex sindaco di centrodestra) è convinto che "sinceramente imbarazza che a meno di 24 ore dal voto il centrosinistra cerchi trafelatamente di agganciarsi all'ancora di salvezza Gabriele Albertini credendo così di salvarsi l'anima"; il governatore lombardo Roberto Formigoni esclude l'ipotesi terzo polo, mentre La Russa si dice convinto che Albertini resterà nel Pdl e manterrà fede agli impegni "con gli elettori e con il partito". Una previsione o un augurio?

Pisapia commenta la sua vittoria alle primarie del centrosinstra:



Leggi tutto