Napolitano: rispettare le leggi per evitare i disastri

1' di lettura

Il Capo dello stato interviene sui danni provocati dalla pioggia a Pompei e Vicenza: "Spesso gli uomini pensano a quello che serve loro sul momento e non alle conseguenze. Quindi tendono a non rispettare le regole". IL VIDEO

Leggi anche:
Bossi e Berlusconi in Veneto, tra applausi e fischi
Vicenza allagata: le foto dell'esercito Usa

"Incuria terribile": il presidente Napolitano ha definito così i disagi causati dal maltempo, riferendosi in particolare al crollo di alcune domus di Pompei per infiltrazioni d'acqua ed incuria e all'allagamento del centro di Vicenza. Il capo dello stato ha evocato i recenti fatti di cronaca durante l'incontro al Quirinale con i vincitori di un concorso nazionale riservato agli studenti sul cambiamento climatico.

Napolitano ha parlato di "forme di tropicalizzazione del tempo", sottolineando però che la responsabilità va piuttosto addossata a "questa incuria terribile che porta al dissesto geologico". Per questo bisogna, secondo lui, "preoccuparsi dell'oggi e del domani insieme".  "Purtroppo agli uomini a volte piace concentrarsi su quello di cui hanno bisogno nell'immediato. E così non rispettano le regole: c'è chi costruisce casa senza pensare se reggerà in caso di alluvione. Dunque ci vogliono le leggi che dicano cosa fare e cosa no. E una volta che sono state fatte bisogna che vengano rispettate", ha spiegato.

SEGUI LE PREVISIONI METEO
L'ITALIA NELLA MORSA DEL MALTEMPO: LE FOTO



Leggi tutto