Renzi (Pd): "Non siamo una corrente"

Il sindaco di Firenze Matteo Renzi
1' di lettura

Al via stasera alla stazione Leopolda di Firenze la convention Prossima fermata Italia. I giovani democratici si incontrano, dice il primo cittadino a SkyTG24, "non per criticare chi fa politica, ma per parlare del Paese che vogliamo". GUARDA L'INTERVISTA

Partito democratico e dintorni: L'ALBUM FOTOGRAFICO

"Al passato grazie, al futuro sì". Sarà questo lo slogan della convention "Prossima Fermata: Italia" organizzata dal sindaco di Firenze Matteo Renzi che si apre stasera alla stazione Leopolda di Firenze.

"Non ci riuniamo per parlare male di far politica, ma per parlare di idee e speranze  per l'Italia che vogliamo fare domani - dice Renzi a SkyTG24 - questioni concrete come la banda larga, l'ambiente, innovazioni tecnologiche".

Sull'assenza di Bersani alla manifestazione Renzi dice ci comprenderla, dato che: "non è un'iniziativa nata nel solco tradizionale dell'attività di partito". "Se Bersani avrà voglia di riparlarne siamo a disposizione - aggiunge - non siamo una corrente e questa non è una battaglia interna al Pd".

Se fosse al posto del segretario del partito, Renzi cercherebbe, dice: "Una squadra con grandi competenze, ma che non si preoccupi della propria visibilità quotidiana".
E a propositio di figure del partito come Veltroni e D'Alema chiarisce: "Hanno fatto molto per la storia del centrosinistra, ma ora dobbiamo costruire il futuro".

Leggi tutto