Pdl, altri due deputati scelgono Fini

1' di lettura

Daniele Toto e Roberto Rosso (uno dei fondatori di Forza Italia in Piemonte) hanno lasciato il Popolo della Libertà e annunciato di aver aderito a Futuro e Libertà, che alla Camera ora tocca quota 37 esponenti. Bocchino: "Presto ne arriveranno altri"

Fini, Berlusconi e il Pdl. LE FOTO
Pdl, c’eravamo tanto amati. IL VIDEO
Ruby, la politica spaccata a metà. E voi?

I deputati Daniele Toto e Roberto Rosso, provenienti dal Pdl, fanno il loro ingresso ufficiale in Futuro e libertà. Hanno infatti scelto di lasciare il partito di Silvio Berlusconi per confluire nel soggetto politico fondato dal presidente della Camera Gianfranco Fini.
Bocchino ha sottolineato che con questo ingresso il gruppo "ne guadagna in termini non solo parlamentari ma anche di radicamento" fornendo così ulteriori basi  per la crescita del "partito-movimento che andiamo a costituire".

Roberto Rosso e Daniele Toto - "Spero davvero riusciremo a portare in Parlamento dei rappresentanti politici dei cittadini e non maggiordomi in livrea - ha dichiarato Roberto Rosso, uno degli azzurri contrari alla legge elettorale del 'porcellum' - Fli sarà davvero il partito liberale di massa". Toto, invece, ha sottolineato la "mancanza di dialogo e confronto nel Pdl, dalla periferia al centro".
Entrambi i parlamentari nelle ultime ore erano stati contattati da Berlusconi, ma hanno confermato al premier la loro decisione di lasciare il Pdl.

Fli conta 37 parlamentari - "Oggi siamo 37 - ha sottolineato Italo Bocchino - e la prossima settimana saremo di più". Quanto alle presunte divisioni esistenti tra i finiani, ha rilevato: Le divisioni nel Fli le vede soltanto Berlusconi...".
"Il nostro dovere - ha detto ancora - non è staccare la spina ma chiedere a Berlusconi di governare, se si aspetta che lo facciamo per poi aprire una campagna elettorale facendo la vittima si sbaglia di grosso". "Noi siamo prontissimi ad andare avanti - ha concluso - per noi lo scenario principale è portare la legislatura fino all'ultimo giorno, ma se Berlusconi getta la spugna perchè non è in condizioni di governare si aprono nuovi scenari, come prevede la Costituzione".

Leggi tutto