Vendola sul premier: "Titoli di coda di un film finito male"

Nichi Vendola
1' di lettura

"Presidente, le tue dimissioni possono dare coraggio all'Italia migliore" dice in un video su Youtube il governatore della Puglia. Bersani (Pd): il governo ha tradito il Paese. Bocchino (Fli): "L'esecutivo è fermo al palo". Bossi: rilanciamo l'esecutivo

Le foto : Berlusconi e le donne - Ruby Rubacuori - Gli insulti ai gay sulla stampa straniera - Berlusconi e Rubi: i giornali stranieri ne parlano così -


Vendola e la videolettera a Berlusconi - "Signor Presidente del Consiglio, le ragazze e i ragazzi nel nostro Paese non vogliono fuggire né prostituirsi, vogliono una finestra aperta sul proprio futuro. Le tue dimissioni possono dare coraggio all'Italia migliore. Cordialmente, tuo Nichi Vendola". Si conclude così il messaggio che il leader di Sel, Nichi Vendola, ha indirizzato al premier . (GUARDA IL VIDEO IN ALTO).
"Caro presidente Berlusconi - aggiunge il leader di Sel nel messaggio pubblicato su YouTube -, il tempo delle barzellette è finito. Non perché noi di sinistra non sappiamo  ridere, ma perché il tuo umorismo, il tuo avanspettacolo continuo, il tuo teatro della virilità mettono tristezza, sembrano i titoli di  coda di un film finito male, vengono percepiti come comportamenti  insieme smodati e patetici".

Dimissioni. Questa dunque la richiesta che l'opposizione torna ad avanzare al presidente del Consigli alla luce delle dichiarazioni del premier sugli omosessuali e sulla vicenda di Ruby - la giovane marocchina che ha dichiarato di aver partecipato ad alcune feste ad Arcore e di essere stata aiutata dal premier a uscire dalla questura di Milano dove era stata portata il 27 maggio scorso accusata di furto .

Bossi a Berlusconi: pensiamo a governare - Intanto, il presidente del Consiglio e il senatur Umberto Bossi si sono incontrati a Palazzo Grazioli per fare il punto sulla coalizione che guida il governo. Filtra poco dal vertice, ma ciò che appare chiaro è che la linea è quella di non rompere con i finiani e di rilanciare l'azione dell'esecutivo. "Dobbiamo - questo il messaggio del leader della Lega - pensare a governare, portare a casa i provvedimenti a cominciare dal federalismo, concentriamoci sulle cose concrete".

Bersani: invito a un governo di transizione - Il segretario del Pd Pier Luigi Bersani è invece tornato a proporre un appello a "chiunque nel centrodestra abbia un minimo senso di responsabilità" per far cadere subito il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e dare vita a un governo di transizione. "Si sveglino e si mettano all'altezza della situazione perché i problemi sono gravissimi". Un invito, questo, rivolto non solo a Futuro e Libertà per l'Italia, il movimento che fa capo al presidente della Camera Gianfranco Fini ma anche alle altre forze politiche.
In uno dei passaggi del suo intervento il segretario del Pd punta inoltre il dito contro la regressione morale alla quale sta andando incontro il Paese.
"Da un punto di vista morale - dice il segretario del Pd - Berlusconi porta il Paese a una regressione paurosa. La donna - ha proseguito Bersani - è il dopolavoro del maschio, gli omosessuali sono da disprezzare e sui minori si ragione così: li salvo dalla polizia per salvare me stesso dopo li rimetto sulla strada".

Bocchino (Fli): se il premier non è in condizioni di governare lo dica- "Noi ci aspettiamo che il governo cominci a fare quello che ha detto Berlusconi in Parlamento ottenendo la fiducia anche con i nostri voti". Parla, a margine della presentazione della Convention di Perugia. Italo Bocchino. "Purtroppo c'è una stagnazione, l'esecutivo è fermo al palo, non si occupa
dei problemi degli italiani, stiamo qui a parlare di Ruby o a prendercela con gli omosessuali mentre tutto il mondo occidentale pensa a come combattere l'omofobia. "
" Ognuno decide chi frequentare nella vita e anche come  esprimersi rispetto a questioni importanti come l'omofobia. Il  presidente del Consiglio ha scelto un modo un po' rude per esprimersi e ovviamente non può essere condiviso" dice il capogruppo di Fli  alla Camera Italo Bocchino. "E' evidente -aggiunge- che la questione  relativa ad eventuali, presunte pressioni sulla Questura di Milano per il rilascio e l'affidamento ad una politica, che poi non si è occupata, di questa ragazza che era fermata per un furto e che è in  Italia senza esserci regolarmente, ci preoccupa molto, perché non  bisogna fare un uso disinvolto di un ufficio così importante come  quello di presidente del Consiglio".

Adolfo Urso: quella di Berlusconi una battuta da osteria - "Come Italia, abbiamo fatto una pessima figura a livello internazionale, non voglio sottacerlo né nasconderlo anzi evidenziarlo”. Lo ha detto a SkyTG24 il viceministro dello Sviluppo economico Adolfo Urso a proposito del caso Ruby e delle ultime dichiarazioni del presidente del Consiglio.
"Se Silvio Berlusconi non vuole che gli italiani e i giornalisti si occupino della sua vita privata – ha detto Urso sulla battuta del premier sugli omosessualità – penso che tanto più lui non dovrebbe dare giudizi sulla vita privata di altri, sulla vita privata di chi esprime un’altra sessualità".

Ascolta le parole di Bersani e Bocchino:


Leggi tutto