Bossi: "Se non passa una legge si va al voto"

Il ministro delle Riforme Umberto Bossi
1' di lettura

Per il ministro delle Riforme la giustizia è uno dei campi minati per la maggioranza, ma la paura delle elezioni potrebbe portare l'opposizione a sostenere il Governo. Un incontro con Berlusconi e Fini? "Sono scettico"

"Se qualche volta non passa una legge, allora sappiamo che bisogna andare a votare". Così Umberto Bossi, segretario della Lega Nord e ministro delle Riforme, ha risposto a margine dell'inaugurazione di una sede del partito a chi gli chiedeva quale sarà il banco di prova della tenuta della maggioranza che sostiene Berlusconi.

La giustizia "è uno dei possibili campi minati - ha detto ancora - ma non è detto nemmeno lì, perchè secondo me i parlamentari e soprattutto la sinistra hanno paura di andare alle elezioni e quindi assisteremo a una sinistra che dà il voto a Berlusconi".

Su un incontro al vertice con Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini per garantire il futuro del governo poi Bossi dice: "Io sono scettico, non ho un potere taumaturgico per risolvere tutti i problemi, che a volte sono personali: come fai a risolverli?".
"La gente - ha spiegato - avverte come un caos la politica e in effetti questo caos c'è e ognuno ha la sua soluzione: Calderoli dice che dobbiamo fare l'accordo, l'incontro fra me, Berlusconi e Fini, però io sono scettico, non ho potere taumaturgico".

Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24