L'Afghanistan, La Russa e le bombe sugli aerei italiani

1' di lettura

Al Senato il ministro della Difesa ha parlato di scelta condivisa con il Parlamento. Poche ore dopo, ai microfoni di SkyTG24, precisa: "Scelgo io, dopo il vertice di Lisbona". VIDEO

Guarda anche:
Afghanistan: L' ALBUM FOTOGRAFICO
I soldati su Facebook: dolore e rabbia contro i politici
Il rientro delle salme: l'omaggio di Napolitano

(in fondo all'articolo tutti i video sull'Afghanistan)

Bombe o non bombe? Il dibattito sulla possibilità di armare gli aerei italiani in Afghanistan dopo la morte di quattro alpini, sabato 9 ottobre,  in un'imboscata, è approdato ieri in Senato. Ma l'informativa del ministro della Difesa Ignazio La Russa che doveva servire a riportare un po' di chiarezza sulla faccenda ha lasciato in sospeso un punto interrogativo.

A Palazzo Madama il ministro della Difesa ha detto che deciderà di dotare di bombe gli aerei italiani in Afghanistan soltanto se ciò non metterà a rischio lo "spirito comune di sostegno ai nostri militari".
Poche ore dopo, ospite di SkyTG24, Ignazio La Russa ha trattato l'argomento con toni diversi: "Se ci fosse un miglioramento anche piccolo della sicurezza dei nostri militari in autonomia prenderei la decisione di seguire la loro richiesta". Il ministro della Difesa ha precisato anche che questa decisione verrebbe presa comunque "dopo il vertice di Lisbona, dopo aver verificato con gli alleati qual è la situazione effettiva".


Soldati caduti in Afghanistan, tutti gli aggiornamenti video

Leggi tutto