Berlusconi: "Avanti su giustizia e intercettazioni"

1' di lettura

Il premier interviene telefonicamente alla festa del Pdl di Busto Arsizio e assicura: "Non andremo a elezioni". ASCOLTA LA TELEFONATA

Guarda anche:

Fini: "Berlusconi ha il dovere di governare"
Da una sponda all'altra: quando la politica è "girevole"
Fini, Berlusconi e il Pdl. LE FOTO
Pdl, c’eravamo tanto amati


"Adesso portiamo avanti l'idea di un processo in tempi certi e l'hanno chiamato subito processo breve anche se dura sei anni e mezzo. E anche qui, però, serve una riforma: dobbiamo assolutamente intervenire così come dobbiamo intervenire sulle intercettazioni". Così il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, nel suo intervento telefonico alla festa del Pdl di Busto Arsizio.

"Dobbiamo  impegnarci per far conoscere la realtà delle cose e dei numeri di  questo governo contro i falsi delle tv e dei giornali - ha detto ancora Berlusconi - per questo  abbiamo già iniziato ad attivare i 61mila team che in tutto il  territorio nazionale, uno per ogni sezione elettorale, divulgheranno i risultati del governo".

"Non andiamo certamente a elezioni - ha inoltre assicurato il premier -  sarebbe un danno che non potremmo sopportare". "Non credo assolutamente a un governo tecnico - ha continuato - noi andiamo avanti così. Vogliono fare invece un governo tecnico per fare una legge elettorale che tolga il premio di maggioranza. Vogliono tornare indietro alla
situazione di prima quando i governi duravano undici mesi e si era arrivati ad avere 17 gruppi diversi in Parlamento. E la situazione era ingovernabile".

Tutti i video sulla crisi all'interno della maggioranza

Leggi tutto