Napolitano: "Riforma della giustizia sia di ampio respiro"

1' di lettura

Così il capo dello Stato nel suo messaggio in occasione del congresso dell'Unione delle Camere Penali. il presidente del Senato Schifani: "Trovare unanimità di intenti, accantonando schieramenti e contrapposizioni"

Per affrontare i problemi della giustizia italiana occorrono "interventi non disorganici né  settoriali, ma di ampio respiro". A dirlo, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un messaggio inviato in occasione del ventitresimo Congresso Ordinario dell'Unione delle Camere Penali Italiane.

"Solo un confronto anche serrato, ma scevro da sterili contrapposizioni e non influenzato dalle contingenze – si legge nella nota del Capo dello Stato - può condurre a scelte capaci di restituire qualità ed efficienza al processo penale, dando piena attuazione ai principi del giusto processo sanciti dall'articolo 111 della Costituzione". Fra i punti principali da affrontare, secondo Napolitano, "il rafforzamento del ruolo di garante del giudice e la rigorosa riqualificazione di quello del difensore".

Presente al congresso anche il presidente del Senato Renato Schifani che ha sottolineato invece l'urgenza di una giustizia "che risolva i problemi nel più breve tempo possibile e che dia la certezza di una decisione rapida". "La riforma della giustizia - ha aggiunto - è una priorità che deve trovare unanimità di intenti e di consenso, accantonando schieramenti e contrapposizioni".

Leggi tutto