Berlusconi e le 74 candeline del premier più longevo

Silvio Berlusconi
1' di lettura

Il 29 settembre il presidente del Consiglio festeggia il compleanno (come anche il leader del Pd Pier Luigi Bersani). Con quasi otto anni di permanenza a Palazzo Chigi è il più duraturo capo del governo e il secondo più anziano dopo Amintore Fanfani

Guarda anche:
Berlusconi e Bersani: un compleanno per due
Berlusconi, Fini e il Pdl. LE FOTO
Silvio Berlusconi: dal divorzio al caso Noemi. LE FOTO

di Filippo Maria Battaglia


Più di Amintore Fanfani, più di Mariano Rumor, persino più di Aldo Moro, Giulio Andreotti e Alcide De Gasperi. Silvio Berlusconi spegne le candeline.
E il settantaquattresimo compleanno, oltre a coincidere curiosamente con il genetliaco del leader del Pd Pierluigi Bersani, gli garantisce un nuovo record istituzionale: la longevità quale presidente del Consiglio.
Il Cavaliere non ha guidato infatti solo l’esecutivo più duraturo (il Berlusconi II, dal giugno 2001 all’aprile 2005), ma è anche il politico italiano che dal dopoguerra è rimasto più a lungo a Palazzo Chigi.

Sette anni e dieci mesi, suddivisi in quattro governi negli ultimi tre lustri. Numeri decisamente più alti di tutti i “vecchi governanti” e della “vecchia politica travolta dei fatti e superati dai tempi”, come diceva lui stesso – era il 26 gennaio 1994 - nel discorso video in cui annunciava la sua discesa in campo.
Di lì a qualche mese, Berlusconi avrebbe guidato il suo primo esecutivo, entrando a Palazzo Chigi a 58 anni e presiedendo a luglio l’ormai storico vertice del G7 a Napoli (nel quale avrebbe ricevuto un avviso di garanzia).
Accanto a lui, c’erano il socialista francese François Mitterrand, il conservatore inglese John Major (Tony Blair sarebbe arrivato solo tre anni dopo), l’americano Bill Clinton (appena eletto, sconfiggendo George Bush senior) e il tedesco Helmut Kohl.
La federazione russa, che partecipava per la prima volta come osservatore esterno, era rappresentata dal suo presidente Boris Eltsin.

Dei suoi sei colleghi, l’ultimo a lasciare la politica attiva sarebbe stato Blair nel 2007, a 54 anni. Berlusconi avrebbe continuato finendo per tre volte fuori Palazzo Chigi e ritornando per altre due, fino a raggiungere il primato (momentaneo e migliorabile) dei sette anni e dieci mesi.
Due in più di Alcide De Gasperi (con cui secondo il premier comunque “non c’è paragone”) e cinque in più di Giulio Andreotti, che capo del governo è stato però sette volte.
Il più longevo, dunque, ma anche il secondo più anziano, solo dopo Amintore Fanfani che a Palazzo Chigi è entrato per l’ultima volta a settantanove anni.
Cinque anni in meno dell’attuale età del Cavaliere.
Un record che, in caso di elezioni anticipate, Berlusconi potrebbe persino eguagliare, superando l’ultimo primato della “vecchia politica politicante” di cui parlava per la prima volta in un inverno di ormai sedici anni fa.

Leggi tutto