Gianfranco Fini, tutti gli occhi puntati su Mirabello

Il presidente della Camera Gianfranco Fini
1' di lettura

Cresce l'attesa per il discorso del presidente della Camera (in diretta live streaming su Sky.it alle 18). Per FareFuturo questa sera non ci sarà rottura, ma "un'idea nuova di Italia. Diversa da quella di Berlusconi."

Fini, Berlusconi e il Pdl. LE FOTO
Pdl, c’eravamo tanto amati. IL VIDEO

Si concluderà questa sera la Festa di Mirabello. Alle 18 prenderà la parola Gianfranco Fini (potrete seguire in diretta video il suo discorso qui su Sky.it), per l'atteso discorso che dovrebbe indicare quale sarà il destino di Fli all'interno della maggioranza.

Nessuno strappo - Secondo Alessandro Campi, direttore scientifico di Farefuturo "quello che Fini dice oggi, lo ripete da tempo e lo ribadì anche in occasione del congresso fondativo del Pdl". "Fini - aggiunge Campi - ha sempre detto di essere consapevole di fare parte di una minoranza" che però all' interno del Pdl non è stata valorizzata. Perché, secondo il direttore, "il gioco di Berlusconi è sempre lo stesso. La destra che gli piace è quella marginale e minoritaria", aggiunge riferendosi a Storace e alla Santanchè.

"I finiani sono stati definiti incompatibili, sono stati aperti dei procedimenti disciplinari - aggiunge Campi - . Quello che Berlusconi chiede è il silenzio, l'annullamento del proprio pensiero". Secondo Campi, Fini oggi "darà voce a quella parte della società italiana, non solo di destra, che in Italia non ha trovato rappresentanza e che magari finora ha votato turandosi il naso o ha smesso di farlo". Il presidente della Camera, per il politologo Campi, "ha solo una carta da giocare, quella della grande politica. Deve dire qual'è la sua idea di Italia, che è certamente diversa da quella di Berlusconi".

Adolfo Urso
- Sul discorso del presidente della Camera interivene anche Adolfo Urso, esponente di Futuro e Libertà per l'Italia  "Il discorso di Fini rappresenterà  una tappa per una democrazia  dell'alternanza più piena e per una destra o un centrodestra che sia  in sintonia con i valori e i programmi del popolarismo europeo". Urso giudica "un segnale positivo" l'idea di Berlusconi di  abbandonare il processo breve. E sull'ipotesi di un'alleanza  elettorale col Pd avanzata da Bindi e poi parzialmente smentita,  l'esponente di Fli dichiara: "Ringraziamo Bindi per il suo gesto di  attenzione ma al contempo lo consideriamo un segnale dei problemi che  ha la sinistra, che non riesce a costruire una alternativa  programmatica. Noi -sottolinea Urso- restiamo nel centrodestra".

Gianni Alemanno
- Anche il sindaco di Roma interviene: "Sono state importanti le
affermazioni di Berlusconi oggi sul processo breve ma altrettanto importante e' il discorso di Fini domani. Mi auguro non sia un discorso polemico ma di prospettiva e di programma".

Leggi tutto