Fini e Feltri a tutta polemica sulla casa a Montecarlo

1' di lettura

"Bastava una piccola verifica - scrive il portavoce del Presidente della Camera - per dimostrare che la presunta visita di Fini nel Principato raccontata dal Giornale è frutto di fantasia. Feltri dovrà spiegare in tribunale". E lui replica a stretto giro

Falsità, pettegolezzi, menzogne. Il portavoce di Gianfranco Fini, Fabrizio Alfano, replica con una nota all'ultima puntata dell'inchiesta del 'Giornale' sulla casa a Montecarlo dove abita il cognato del presidente della Camera e smentisce la testimonianza riportata dal quotidiano, che racconta una visita di Fini nell'appartamento monegasco a Natale.

"La violenta campagna diffamatoria lanciata da 'Il Giornale' contro il presidente della Camera, si arricchisce oggi di nuove, presunte rivelazioni da parte di un ennesimo testimone chiave: il signor Giorgio Mereto dichiara infatti di ricordare nitidamente la presenza del presidente Fini nel noto appartamento di Montecarlo - scrive Alfano - ma un semplice accertamento presso le autorità monegasche e italiane che registrano i movimenti delle scorte sarebbe stato sufficiente a dimostrare che la trasferta a Montecarlo del presidente Fini è frutto unicamente della fervida fantasia del signor Mereto".

"Dal momento che verificare la falsità di certe dichiarazioni è così facile anche per
chi non è un giornalista - continua la nota - c'è da chiedersi per quale ragione chi ha il dovere di riscontrare la veridicità di una notizia prima di pubblicarla trascuri sistematicamente di farlo. Viene quasi il dubbio che vi sia, a monte, la volontà di immettere nel circuito mediatico illazioni, sospetti e accuse anche quando si ha la consapevolezza che basterebbe un controllo di routine a dimostrarne l'infondatezza".

Alfano accusa  quindi il quotidiano di Feltri di degradare l'informazione a "licenza di
diffondere plateali falsità e pettegolezzi per offendere un avversario politico" e a "volgare telenovela". "In questo contesto - conclude - il presidente Fini non intende contribuire a scriverne le nuove puntate offrendo quotidiane smentite. Una puntuale e dettagliata ricostruzione dei fatti sarà invece offerta nelle sedi competenti (Consiglio dell'Ordine e tribunali), dove sarà il dottor Vittorio Feltri, direttore de 'Il Giornale', a dover fornire tutte le spiegazioni del caso".


La replica di Feltri. "Le accuse di Fini al Giornale di non aver controllato sono totalmente infondate", è la replica immediata di Vittorio Feltri. "La testimonianza non è di un Pinco Pallino qualunque - dice il direttore del Giornale - ma dell'ingegner Giorgio Mereto, residente a Montecarlo da 25 anni e titolare della Mgm Marine Gasoil, socieà di trading petrolifero. Non c'è motivo di sospettare che l'ingegnere non abbia detto la verità, visto che si è esposto con tanto di nome e cognome. Quanto alle scorte, con le quali abbiamo una certa dimestichezza, tutti sanno - conclude - che non è obbligatorio per nessuno usarle".

Leggi tutto