Grillo: "La costituzione è come la mamma. Ognuno ha la sua"

Beppe Grillo - Foto Ap
1' di lettura

Il comico genovese e leader del Movimento 5 stelle interviene nel dibattito politico ironizzando su Maroni e Alfano. E aggiunge: "Bossi, con le sue piazze per condizionare Napolitano, è eversivo"

Interviene anche Beppe Grillo nel dibattito estivo sulla tenuta del governo e le possibili elezioni autunnali e risponde ai ministri Alfano e Maroni secondo i quali cambiare governo sarebbe anti costituzionale. Secondo il comico genovese e leader del movimento 5 Stelle "la Costituzione è come la mamma, ognuno ha la sua: secondo Maroni e Alfano la Costituzione, di cui hanno fatto carne da porco per anni con la legge elettorale Calderoli, il lodo Alfano e il legittimo impedimento, non permetterebbe un governo tecnico". E aggiunge: "La Costituzione dovrebbe essere insegnata per legge a ogni parlamentare, un po' come l'esame per la patente. Sarebbe una strage".

Grillo poi sottolinea: "La Costituzione assegna al presidente della Repubblica la scelta del possibile candidato alla presidenza del Consiglio, che puo' essere anche un personaggio estraneo alla politica. Chi riceve l'incarico si presenta a Camere riunite con un programma e, se la maggioranza lo vota, governa. Invece, il popolo invocato da 'Boss(ol)i' nelle piazze per condizionare Napolitano, che è già condizionato di suo, non è costituzionale, ma eversivo, anche se e' formato da lui, dalla Trota e da qualche compagno di grappino...".

Leggi tutto