Musso provoca su Facebook: "Serve un Pdl senza zoccole"

1' di lettura

Il forum del Popolo della libertà è chiuso per ferie ma in rete la discussione prosegue. E sul social network i sostenitori del governo si dividono sull'affondo del senatore: "Ci vuole un partito serio, pulito, senza scandali. Chi ci sta?"

Fini, Berlusconi e il Pdl: dalla fondazione al divorzio. LE FOTO

Pdl, c’eravamo tanto amati: il video

"Serve un partito serio, pulito, senza scandali né zoccole (non dite che è tutta colpa dei magistrati, please). Un partito che rimetta al centro il cittadino, attui le liberalizzazioni, riformi l’amministrazione. Chi ci sta?".
Mentre infiamma la polemica politica all'interno della maggioranza e il forum del Pdl chiude per ferie, il dibattito, tra gli elettori del Popolo della libertà, viaggia anche su Facebook. E dalla pagina del suo profilo, il senatore del Pdl Enrico Musso, lancia il suo affondo. Professore di Economia e sfidante del sindaco Marta Vincenzi alle scorse comunali a Genova, Musso chiede un partito più vicino ai cittadini e senza scandali. Il senatore, che ancora fa parte ufficialmente del Pdl, nei giorni scorsi si era schierato contro quella che ha chiamato la “defenestrazione” di Fini, scatenando le ire dei suoi compagni di partito.

"Il problema - scrive Musso senza mezzi termini nella sua bacheca - è che la coalizione NON sta attuando il programma con cui fu eletta, e invece affonda negli scandali. E' se NON lo dico che tradisco gli elettori, non il contrario".

La cruda analisi di Musso, incontra il favore di molti dei suoi 2670 “amici”, che sentono l'esigenza di un rinnovamento all'interno del Pdl; ma c’è anche chi contesta il senatore. “Se non fosse per Berlusca nessuno, neanche Lei, sarebbe in Parlamento” scrive Alfredo D., mentre per Franco F., “gli scandali ci sono anche dall’altra parte”. “Dire che il partito affonda tra scandali e zoccole guadagna l'applauso facile, e anche il titolone sul Secolo XIX" è il commento di Andrea G, che continua, "premettere che criticare la magistratura non vale, è altrettanto facile. Peccato che di tanti scandali sia ancora da provare una responsabilità penale”. Per Giovanni Battista C. invece “C'è molto da migliorare nel Pdl ma la soluzione non è certo andarsene sbattendo la porta. Così si favorisce solo la sinistra”. Sulla stessa linea, l’invito di Francesco V. a “operare all'interno del PDL per migliorarlo", ma senza "tradire gli elettori” visto che “anche il gruppo misto e FLI  non sono esenti da scandali”.

Nello spazio del senatore intervengono anche elettori di centrosinistra: “Non ho mai votato per il Pdl, ma finalmente una persona, anche se avversaria politicamente parlando, di buon senso” scrive Paolo G. Plaude anche Maurilio T.: “Da avversario politico ammiro la sua onestà intelettuale, così difficile, oggi, da ritrovare in ambedue gli schieramenti”. “Passa con noi di Generazione Italia, Enrico... è la tua destinazione naturale” è infine l’invito di Glauco G.

Musso, da parte sua, non ha ancora deciso se rimanere nel Pdl, entrare nel gruppo misto oppure nella corrente finiana. Lo farà a fine estate, dopo aver lanciato un forum su internet e un sondaggio per capire qual è l'orientamento di chi lo ha votato e sostenuto fino a oggi.

Leggi tutto