Bersani: governo non regge, serve esecutivo di transizione

Il segretario del Pd Pier Luigi Bersani
1' di lettura

Su Tremonti premier il segretario del Pd lascia balenare una non ostilità, poi puntualizza: "Mai fatto nomi". E ancora: "Sta nascendo un meccanismo quasi costituente"

L'ipotesi di un governo di transizione guidato dall'attuale ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, è "un'evenienza più sensata di un confronto elettorale con un meccanismo come questo".  Lo dice il segretario nazionale del Pd, Pier Luigi Bersani, conversando con i giornalisti nel cortile di Montecitorio, anche se poi puntualizza: "Mai fatto nomi". "Il nostro mestiere - dice Bersani - non è quello del Capo dello Stato, non spetta a me decidere. Certo però che non può traghettare quello che ci ha portato fin qui". E il suo portavoce ribadisce che "Bersani si è limitato a ribadire ai giornalisti quanto già affermato in questi giorni, e cioé che la cosa meno sensata è andare a votare con questa legge elettorale" mentre il resto "non è adesso in discussione ed eventualmente spetterebbe solo al Capo dello Stato".

Bersani ha poi parlato dell'attuale situazione politica, definendola "un meccanismo quasi costituente" "Se vedo Fini e Casini che in tanti anni sono stati più di là che di qua fare passi in direzione diversa non mi metto certamente a piangere" ha detto il segretario del Pd.  E ha aggiunto: "Il punto di fondo in questo Paese non è solo mandare a casa un governo incapace ma oltrepassare una fase che con meccanismi populistici e con il 'ghe pensi mi' ha portato al Paese solo guai".

Per il segretario del Pd "qui non è in discussione il sistema bipolare che è nel dna degli italiani. Il bipolarismo - ragiona - può essere migliorato dando flessibilità e radicamento di democrazia parlamentare efficace e non populista". Per questo motivo, sostiene Bersani, da parte del Pd c'è "disponibilità". "La stella cometa - spiega ancora - è l'idea che abbiamo dell'Italia. E' chiaro però che la proposta di governo deve essere coerente, programmaticamente definita ed elaborata in termini chiari".

Guarda anche:
Fini, Berlusconi e il Pdl: dalla fondazione al divorzio. LE FOTO

Pdl, c’eravamo tanto amati: il video

Leggi tutto