Casini: "Serve un governo di responsabilità"

1' di lettura

Il leader dell’Udc ai microfoni di Sky TG24 ipotizza la possibilità di un governo di unità nazionale “per riuscire a superare il momento difficile”. Ma come interlocutore preferisce il Pd all'Idv: “Di Pietro non lo sento mai. Stimo molto Bersani"

Fini, Berlusconi e il Pdl: dalla fondazione al divorzio. Tutte le foto
Nasce il nuovo gruppo Futuro e libertà per l'Italia


Non c’è nessun complotto contro il governo a differenza di quanto a denunciato il leader della Lega, Umberto
Bossi. Lo dice Pier Ferdinando Casini, leader dell'Udc, intervistato da SkyTG24, dove ricorda "la favola dei Puffi dove Gargamella preparava sempre complotti con le bombe e poi gli scoppiavano in testa. Stanno facendo tutto loro, avevano cento deputati di differenza...".

Casini ribadisce quindi la sua proposta di un governo di unità nazionale spiegando che la sua "è una proposta che serve al Paese. Se poi Berlusconi vuole continuare con queste scorciatoie cercando con la pubblicità di far passare una immagine non vera perché il governo è paralizzato questo è un problema suo".

Il leader dell'Udc fa sapere poi che con l'opposizione bisogna aiutare il paese a superare "una fase difficile": "Di Pietro non lo sento mai, Bersani spesso. Lo stimo, credo che il Pd sia un interlocutore importante ma serve grande serenità e fermezza per aiutare il paese a superare la fase difficile in cui siamo aggrovigliati".

La crisi del Pdl, tutti i video




Leggi tutto