Manovra, Bersani: “E’ la più iniqua che abbia mai visto"

1' di lettura

Il segretario del Pd a SkyTG24: “Pesanti conseguenze per redditi medio-bassi e investimenti”. Sulle intercettazioni: “Passi avanti ma giudizio resta negativo”. Poi sulle fibrillazioni nella maggioranza: “Berlusconi ricatta con voto ma non arriva a 2013"

In fondo al pezzo gli estratti dell'intervista a Pierluigi Bersani

E' la manovra più iniqua che abbia mai visto e ne ho viste parecchie". Così Pier Luigi Bersani parla della manovra del governo in un'intervista a SkyTG24. "E' una manovra pesantissima per redditi medio-bassi e investimento", aggiunge il segretario del Pd e questo sottolinea "è inverecondo" perchè "i grandi ricchi con miliardi di patrimonio non pagano un euro". ” ''Questa è una manovra da egoisti'' da una ''bastonata incredibile'' ai redditi più bassi e ''non fa pagare un euro al miliardario'', attacca ancora il leader dei democratici.

Intercettazioni, “Passi avanti ma parere Pd resta negativo”- Le modifiche al ddl intercettazioni sono un "passo avanti" ma il giudizio del Pd "resta negativo sull'impianto della legge", ha detto il segretario del Partito democratico. "La correzione fatta sull'udienza filtro - ha spiegato Bersani - va nel senso giusto, è la proposta del Pd, anche se nello stile solito del centrodestra il governo ha dato parare negativo al nostro emendamento, tante cose però non vanno ancora, come sulla possibilità di indagine, perciò diamo ancora parere negativo sull'impianto della legge. Abbiamo fatto passi avanti - rivendica Bersani - grazie alla pressione molto forte che c'è stata da parte delle opposizioni come nel caso delle dimissioni di Scajola, Brancher, Cosentino, senza l'opposizione queste cose non sarebbero successe".

“Berlusconi ricatta con voto ma non arriva a 2013”- Le elezioni anticipate sono l'arma che Berlusconi usa per fare pressione sulla maggioranza ma è "molto, molto difficile" che il governo arrivi al 2013. Ne è convinto Bersani. Ha risposto così a Sarah Varetto gli chiedeva dell'ipotesi di elezioni anticipate: "Penso francamente, sapendo come ragionano Berlusconi e i suoi, che questo ricatto può essere molto presente, e la giudico una posizione non responsabile, ma conoscendo gli interlocutori credo che arrivare al 2013 sarà molto, molto difficile".

Guarda l'intervista




Leggi tutto
Prossimo articolo