Caos schede in Piemonte, Cota: "Forse non dovevo vincere..."

1' di lettura

Torna in bilico la presidenza della Regione dopo la decisione del Tar di accogliere il ricorso sulle presunte irregolarità di alcune liste. Il governatore della Lega insorge, appoggiato dal premier. Ma la sfidante Bresso ribatte: "Regole uguali per tutti"

REGIONALI 2010: TUTTI I RISULTATI

"Evidentemente per qualcuno non dovevo governare. Ma questa vicenda non mi fiacca, anzi mi dà nuove energie, e governerò con rinnovato slancio": così il governatore del Piemonte, Roberto Cota, ha esordito nella conferenza stampa convocata in Regione per commentare il pronunciamento del Tar sui ricorsi . "Diciamo la verità, il problema vero è che io ho vinto ma evidentemente per qualcuno non dovevo governare. Altrimenti non so spiegarmi quello che sta accadendo. Ogni giorno ce n'è una, a partire dalla notte delle elezioni, quando la presidente uscente del Piemonte affermò che non avrebbe accettato il risultato che la dava perdente. Ma se ogni giorno ce n'è una il problema non è la lista Scanderebech di cui il Tar chiede il riconteggio, ma il fatto che per qualcuno Lega e Pdl non dovevano governare".

"Le regole valgono per tutti. Non si può vincere violandole e poi rivendicare sfacciatamente l'esito del voto". Questo invece il commento di Mercedes Bresso, che si dichiara "pienamente soddisfatta" della decisione presa nella notte dal Tar del Piemonte. "Senza dubbio alcuno - continua Bresso – i nostri ricorsi sono stati ritenuti non solo ricevibili nei tempi, ma anche fondati nella sostanza. Rigettando così la tesi dei legali di Cota della presentazione tardiva dei ricorsi". "In democrazia - conclude Bresso - il rispetto delle procedure non e' formalismo, ma sostanza. Non rimane che aspettare l'esito del riconteggio con la sottrazione delle preferenze date alle liste false".

Sull'affaire piemontese è intervenuto, in serata, anche il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. In una nota il premier ha dichiarato: "L'attacco a Roberto Cota dimostra che il governatore del Piemonte sta lavorando bene, è persona onesta e impegnata per il bene della Regione. Evidentemente a qualcuno va di traverso che abbia vinto le elezioni regionali". Quindi il cavaliere ha aggiunto: "Abbiamo il riscontro di una forte indignazione popolare in Piemonte verso un provvedimento ingiustificato, che potrebbe provocare anche un'instabilità di governo nonché un grave danno economico per le casse della Regione. Siamo certi che il presidente Cota e l'alleanza di governo, che lo ha portato alla vittoria, hanno l'affetto e il sostegno di tutti i piemontesi".

Leggi anche:
E a sinistra spunta l'ipotesi Chiamparino

Guarda il video con le dichiarazioni di Mercedes Bresso:

Leggi tutto