Intercettazioni: il governo prende tempo, slitta discussione

1' di lettura

Il sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo ha chiesto 48 ore di tempo per approfondire gli emendamenti presentati al disegno di legge, ottenendo il via libera dalla commissione. Probabile che il voto cominci la prossima settimana

Ddl intercettazioni: l'album fotografico
L'haute couture contro la "legge bavaglio": le foto


Il sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo ha chiesto 48 ore di tempo per approfondire gli emendamenti presentati al ddl intercettazioni . I componenti della commissione non hanno avuto nulla da obiettare a tale richiesta e pertanto è molto probabile che il voto degli emendamenti comincerà la prossima settimana.

Il ddl intercettazioni "è estremamente articolato e gli emendamenti presentati sono numerosi. Pertanto la richiesta del governo di avere più tempo per ponderare è saggia". Il presidente della commissione Giustizia della Camera Giulia Bongiorno commenta così il rinvio di 48 ore del voto degli emendamenti chiesto dal sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo. “Ho ascoltato tutti i gruppi - aggiunge la Bongiorno - e loro si sono espressi a favore. Quindi la decisione presa di rinviare alla prossima settimana è stata consequenziale".

Vai allo speciale No alla legge bavaglio


Tutte le notizie sul ddl intercettazioni:

Leggi tutto