Usa, Fbi arresta dieci spie russe

1' di lettura

Torna il clima da guerra fredda negli Stati Uniti. I federali hanno fermato 10 persone con l'accusa di spionaggio nei confronti di Mosca. Si erano infiltrati negli ultimi dieci anni

Le relazione Usa-Russia riprecipitano in pieno clima di Guerra Fredda: l'Fbi ha arrestato 10 persone con l'accusa di essere spie russe mentre un 11.ma, identificata come Christopher Metsos, è ancora ricercata. "Otto persone sono state arrestate domenica (tra Monclair in New Jersey e Yonkers, New York, Manhattan, Boston e Arlington in Virginia) accusate di aver condotto azioni coperte a lungo termine per conto della Federazione Russa", si legge nella dichiarazione, aggiungendo che gli altri due "sono sospettati di far parte dello stesso programma (di spionaggio) russo". Degli arrestati, solo uno, Mikhail Semenko, ha un nome russo. Tutti gli altri hanno nomi inglesi, ispanici, italo-americani.

Alcuni nomi, secondo fonti del Dipartimento della Giustizia citate dalla Cnn, appartenevano ad americani morti. Due gli atti di accusa presentati presso la US District Court for the Southern District of New York: per tutti gli 11, cospirazione per aver agito come agenti illegali della Federazione Russa all'interno degli Stati Uniti; per nove di loro, anche riciclaggio di denaro sporco. Oltre che in New Jersey, nello stato di New York e in Virginia, una donna di nome Anna Chapman e' stata arrestata ieri a Manhattan e due sono stati arrestati a Boston.

I presunti agenti di Mosca erano stati addestrati, secondo l'Fbi, dai servizi di intelligence di Mosca (il Svr) nell'uso di codici e cifre e in varie lingue straniere prima di essere spediti negli Stati Uniti nel corso dell'ultimo decennio. Una volta negli Usa gli agenti assumevano nomi falsi e incarichi clandestini per diventare "americanizzati' e raccogliere informazioni all'interno degli Stati Uniti. Tra i compiti c'era anche quello di reclutare fonti all'interno dei "circoli politici" americani, si legge nell'atto di accusa dell'Fbi presentato in tribunale oggi a New York. 

Leggi tutto