Intercettazioni, il Pdl accelera. Bersani: "Combatteremo"

1' di lettura

Continua lo scontro sulla legge bavaglio. Cicchitto: “Entro luglio il ddl verrà approvato”. Il segretario del Pd: “Nessuna forzatura dei tempi alla Camera”. Berlusconi: “Gente stufa di essere spiata”

DDL INTERCETTAZIONI: VAI ALLO SPECIALE
Intercettazioni, Fnsi: "9 luglio sciopero generale"
Intercettazioni: cosa prevede il ddl approvato al Senato

Continua la battaglia sul disegno di legge sulle intercettazioni, che ora torna alla Camera. Ieri il Pd ha inviato una lettera a Gianfranco Fini per chiedere che il testo arrivi a Montecitorio a settembre. Ma in un'intervista alla Stampa (guarda la rassegna stampa di SKY TG24) il capogruppo del Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto fa capire che la maggioranza non vuole perdere tempo. "Non si può discutere all'infinito", ha detto Cicchitto, "è stata presa una decisione e con tutta la considerazione che ho per l'autonomia dei due rami del parlamento, dico che alla Camera ulteriori modifiche non ci troveranno consenzienti", ha spiegato. Per Cicchitto, è in atto "un'enfatizzazione propagandistica che si autoalimenta e prescinde dal merito del provvedimento". 

Per il capogruppo del Pdl però questo non ostacolerà il cammino del provvedimento. "Sono convinto che entro luglio il ddl verrà approvato", ha detto ricordando che anche i finiani hanno sottoscritto l'intesa raggiunta politica all'ufficio di presidenza del partito. Cicchitto non ha azzardato ipotesi su una nuova fiducia, dopo quella del Senato. "Non lo so, non si può dire oggi", ha spiegato.

Parlando di intercettazioni anche Silvio Berlusconi ha confermato la sua linea: "Abbiamo messo la fiducia al Senato proprio per non perdere più tempo. Speriamo che sia così, la gente non ce la fa più ad essere spiata", ha spiegato ai giovani dei Circoli della Libertà nella cena di ieri sera in un ristorante romano.

Ma Pier Luigi Bersani insiste, promette battaglia alla Camera e si augura che il governo non forzi i tempi della discussione sul disegno di legge sulle intercettazioni. "Questa è una legge contro la legalità, contro il diritto di informare, una legge molto pesante - dice il leader del Pd parlando con i cronisti a margine del congresso provinciale di Bologna - quindi è una questione politicamente molto seria. Noi combatteremo alla Camera con tutte le nostre forze e nella manifestazione del 19 a Roma parleremo anche di questo". "C'è da augurarsi - prosegue Bersani - che non si forzino almeno i tempi e le procedure di discussione su norme di questo genere e quindi che non ci sia quella stretta che viene minacciata da qualche ambiente di centrodestra".

Tutte le notizie sul disegno di legge sulle intercettazioni

Leggi tutto