Rosy Bindi: non credo che Bersani abbia offeso la Gelmini

1' di lettura

La presidente del Pd ospite di Maria Latella a SKY TG24 dopo la polemica scatenata da una frase del segretario sul ministro dell'Istruzione: "Cercare lezioni da certi uomini di destra sul rispetto alle donne è francamente singolare". GUARDA L'INTERVISTA

"Penso che Bersani abbia voluto dire che ci sono tanti insegnanti che lavorano e non hanno un ministro che li aiuta. Non credo che sia un'offesa". Rosy Bindi, ospite di "Sky Tg24 - L'intervista", l'approfondimento del canale all news curato e condotto da Maria Latella, ribatte così alle critiche piovute su Pier Luigi Bersani per quel "rompi ..." rivolto dal segretario Pd al ministro dell'Istruzione, Maria Stella Gelmini.
"Cercare lezioni da certi uomini di destra sul rispetto alle donne - rileva la presidente Pd, dai microfoni di SkyTg24 - è francamente singolare".
Bindi definisce invece "inquietante" il dibattito nella maggioranza, e nel governo, sui contenuti della manovra: "Abbiamo visto - spiega - il ministro Tremonti annunciare una manovra di 30 miliardi in tre anni e Berlusconi dire che tutto questo verrà fatto senza interventi che andranno a penalizzare i cittadini".

E sul futuro del Pd dichiara: "Sono fiduciosa perché l'unità che abbiamo ritrovato a testa alta in questa assemblea è frutto di una discussione seria e forte. Il segretario ha richiamato le varie anime del partito a un cambio di passo. Quello che ci ha veramente aiutato a ritrovare l'unità di intenti, è stata la scelta di evitare di continuare a parlare di noi e di metterci a parlare dell'Italia". Così la presidente dell'assemblea nazionale del Pd Rosy Bindi fa il punto sulle conclusioni della riunione del 'parlamentino' del Pd che si è tenuta venerdì e sabato alla Nuova Fiera di Roma e che ha sancito una tregua interna dopo gli scontri delle settimane passate sulla linea  del partito e del segretario.

TUTTI I VIDEO DELL'INTERVISTA

Leggi tutto