Intercettazioni, Bossi: "Non è stata ventilata la fiducia"

1' di lettura

A margine della festa della Polizia a Varese il senatùr ha detto di non sapere se il governo ricorrerà all'istituto parlamentare per il contestato ddl, che in ogni caso non mette a rischio l'esecutivo: "Fin quando c'e' la Lega, non cade"

GUARDA LE FOTO DELLA PROTESTA DEL POPOLO VIOLA

Dopo le critiche arrivate dagli Usa, le proteste davanti a Montecitorio e la nota di Alfano sul contestato ddl intercettazioni è intervenuto il ministro delle Riforme per il Federalismo Umberto Bossi. A margine della festa della Polizia a Varese il senatùr ha detto di non sapere, se il governo ha intenzione di porre la questione di fiducia: "E' una cosa di cui si parla in Consiglio dei ministri e fino adesso non è stata ventilata". Su una cosa il senatùr è certo: il cammino del disegno di legge sulle intercettazioni non mette assolutamente a rischio il governo. Il merito, ovviamente, è del Carroccio: "Fin quando c'è la Lega, non cade. Come fa a cadere?".



Tutti gli aggiornamenti sul ddl intercettazioni

Leggi tutto