Lodo Alfano: Pdl e Lega presentano un ddl costituzionale

1' di lettura

I gruppi parlamentari al Senato hanno depositato un disegno di legge costituzionale per riproporre la sospensione dei processi per le alte cariche dello stato

Il gruppo parlamentare del Popolo della Libertà al Senato - informa una nota - ha presentato un 'disegno di legge costituzionale recante disposizioni in materia di sospensione del processo penale nei confronti delle alte cariche dello Stato'. Dopo un incontro con il gruppo del Pdl, anche la Lega Nord ha deciso di sottoscrivere il ddl. Pertanto, primi firmatari sono i senatori Maurizio Gasparri, Gaetano Quagliariello, Federico Bricolo, Roberto Centaro, Domenico Benedetti Valentini. Il testo del disegno di legge Š consultabile dal portale internet del gruppo Pdl al Senato all'indirizzo www.pdlsenato.it

Il disegno di legge costituzionale - si legge nel sito del Pdl - stabilisce che il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio ed i ministri, durante lo svolgimento della carica o delle funzioni, non possano essere sottoposti a processo penale qualora il Parlamento decida di disporre la sospensione del processo. Il lodo Alfano costituzionale esclude quindi i Presidenti delle Camere ed opera esclusivamente per i reati extrafunzionali, perché gli articoli 90 e 96 della Costituzione già prevedono speciali regole giurisdizionali per le alte cariche dello Stato.

Il meccanismo di sospensione del processo è attivato da una comunicazione che l'autorità giudiziaria indirizza alla Camera di appartenenza o, nel caso in cuil'alta carica dello Stato non sia parlamentare, al Senato della Repubblica. Le Camere, entro 90 giorni dalla comunicazione, devono decidere sull'eventuale sospensione del processo. Per il Presidente della Repubblica la decisione è adottata dal Parlamento in seduta comune. In caso di sospensione del processo, e' sospeso anche il corso della prescrizione dei reati in esso contestati. Il giudice, se ne ricorrono i presupposti, potra' acquisire le prove non rinviabili del processo sospeso. Per la parte civile sarà comunque possibile trasferire l'azione in sede civile, in deroga all'articolo 75 comma 3 del codice di procedura penale. L'articolo 2 del ddl costituzionale estende la sospensione anche ai processi penali gia' in corso, in ogni fase, stato e grado, alla data di entrata in vigore della legge.

Leggi tutto