Ddl lavoro, via libera della Camera

1' di lettura

Il testo, che ora passa in Senato, era stato rinviato alle Camere dal presidente Napolitano, che aveva chiesto correzioni su due punti: l'arbitrato e i risarcimenti per le cause di lavoro legate all'amianto

La Camera ha approvato il collegato lavoro. I sì al ddl sono stati 259, i no 214 e 35 gli astenuti. Il testo ora passa al Senato.
Il ddl era stato rinviato alle Camere dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che aveva chiesto correzioni su due punti in particolare: l'arbitrato e i risarcimenti per le cause di lavoro legate all'amianto. Sul primo punto, il governo è stato battuto ieri su un emendamento del Pd che ha fissato al momento del licenziamento, e non più alla firma del contratto, la possibilità per il lavoratore di optare per l'arbitrato anziché per la giustizia ordinaria. Non è detto che la modifica non sia corretta a Palazzo Madama.

Guarda anche:
Arbitrato, governo battuto alla Camera
Ddl lavoro, Napolitano non firma: la legge torna alle Camere
Sacconi: giunge al termine la legge voluta e pensata da Biagi

Leggi tutto