Torna il Lodo Alfano: pronto un ddl costituzionale

Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano
1' di lettura

Il testo prevede lo scudo giudiziario per il Capo dello Stato, il presidente del Consiglio e i ministri. Esclusi dal provvedimento i presidenti della Camera e del Senato. Non dovrebbe essere modificata la Costituzione

Sarà un disegno di legge di rango costituzionale, ma non prevede nessuna modifica della Costituzione, il provvedimento messo a punto dal Pdl in sostituzione del Lodo Alfano.
Il ddl, secondo quanto riferito dall'agenzia Ansa, è di tre articoli e prevede lo scudo giudiziario per il Presidente della Repubblica, il presidente del Consiglio e i ministri. Sarà presentato ad horas e reca le firme del capogruppo Maurizio Gasparri e del vicario Gaetano Quagliariello.

Il ddl prevede che il procedimento giudiziario vada comunque avanti. Il magistrato, sempre secondo quanto si apprende, deve invece comunicare alla Camera di appartenenza (Senato o Camera) del parlamentare o del ministro l’avvio del processo. La Camera ha 90 giorni di tempo per decidere se accogliere la richiesta o disporre la sospensione del processo fino al termine del mandato.

Il ddl prevede altresì che sarà il Senato, nel caso di un ministro tecnico, la Camera di riferimento per la decisione. Dal provvedimento sono rimasti esclusi, rispetto all’originale Lodo Alfano, le figura dei presidenti di Camera e Senato per rispondere all’obiezione della Corte costituzionale secondo cui lo scudo giudiziario, a quel punto, doveva essere esteso anche ai parlamentari.

Guarda anche:
Lodo Alfano, cosa prevede la legge
Lodo Alfano, Napolitano: io sto con la Costituzione
Berlusconi: "La Consulta è di sinistra, queste cose mi fanno un baffo"

Leggi tutto