Bersani: “Fini ha aperto contraddizioni su problemi reali”

1' di lettura

Il segretario del Pd ha commentato lo scontro che si è verificato alla Direzione del Pdl tra il presidente della Camera e quello del Consiglio, definendolo “indecoroso”. E sulle riforme ha aggiunto: “Se volete un pronostico non si faranno”

Il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, commenta lo scontro verbale tra il presidente della Camera, Gianfranco Fini e il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, alla riunione del vertice del Pdl e non usa mezzi termini:  "Dalla direzione del Pdl arriva uno spettacolo indecoroso ma Fini ha sollevato contraddizioni profonde del Pdl su temi e problemi reali".

E sulla questione delle riforme, che il premier aveva definito”condivise”, il segretario Democratico risponde: “Se non entrano nel merito delle questioni, se non sano registrare le differenze profonde al loro interno, non si farà niente”.

E a chi chiede le dimissioni di Fini dalla presidenza della Camera risponde: “Chi non fa politica scagli la prima pietra”.

Intanto durante la mattinata si è svolto un incontro tra Bersani e il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, per fare il punto sui governi regionali. Con l’ex pubblico ministero di “Mani Pulite” sempre più intransigente verso le riforme: “Berlusconi sono anni che parla di riforme e le uniche che mette in atto sono quelle che interessano a lui sul piano giudiziario, sul piano fiscale, sul piano del controllo dell’informazione. Queste non sono riforme, ma deformazioni della Carta costituzionale”. 


GLI INTERVENTI DI BERLUSCONI E FINI ALLA DIREZIONE NAZ. DEL PDL

Leggi tutto