Berlusconi: mafia famosa grazie a "La Piovra" e "Gomorra"

1' di lettura

Maroni: "Mai nessuna azione così efficace, abbiamo catturato 23 dei 30 latitanti più pericolosi". Il premier: "Risulterebbe essere la sesta al mondo ma è quella più conosciuta perché se ne parla". L'opposizione protesta e difende Roberto Saviano. I VIDEO

In fondo all'articolo i video della conferenza stampa

Il governo ha fatto tantissimo contro la criminalità organizzata, "abbiamo superato le 500 operazioni di polizia giudiziaria, che hanno portato a quasi 5000 arresti di presunti appartenenti a organizzazioni criminali". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, nel corso di una conferenza stampa con il titolare del Viminale, Roberto Maroni, a Palazzo Chigi. Berlusconi sottolinea che "la mafia italiana risulterebbe essere la sesta al mondo ma è quella più conosciuta" anche per i film e le fiction che ne hanno parlato, come "le otto serie della Piovra" e in generale "la letteratura, Gomorra e tutto il resto".

Oltre 10 miliardi di euro sottratti alle mafie, 23 superlatitanti catturati dei 30 più pericolosi. Il ministro dell'Interno Roberto Maroni elenca i risultati dell'azione di contrasto alla criminalità organizzata, aggiornati al 31 marzo. Definendola un' azione "efficace", "senza precedenti", che ha portato a "risultati eccezionali" che "ci vengono riconosciuti da tutti i nostri partner internazionali". In particolare sui beni sequestrati e confiscati: "Sono 16.679 I beni sequestrati per un controvalore di 8,2 miliardi, e 4.407 confiscati per un controvalore di 2 miliardi". Complessivamente il patrimonio sottratto supera i 10 miliardi di euro. Anche sui latitanti, Maroni rivendica risultati: "Dei 30 più pericolosi quando ci siamo insediati al governo ne abbiamo arrestati 22".  "Un anno fa - ricorda Maroni - Lampedusa bruciava e nel centro di accoglienza c'erano oltre 200 immigrati, che appiccavano il fuoco. Oggi i clandestini sono pari al numero zero: non ce n'è uno. Abbiamo posto fine agli sbarchi di barconi provenienti dalla Libia, riducendo nei primi tre mesi del 2010 del 96 per cento il numero degli sbarchi rispetto al 2009, mentre rispetto al 2008 c'è stata una riduzione del 90 per cento".

Oggi al termine della requisitoria, il sostituto procuratore generale Nino Gatto, ha chiesto 11 anni di condanna per il senatore del Pdl Marcello Dell'Utri imputato a Palermo di concorso esterno in associazione mafiosa.

Guarda anche:
Berlusconi: "Arresti boss colpo grande alla mafia"
Mafia, Maroni: a Palermo e Milano colpi straordinari

LA CONFERENZA STAMPA DOPO IL CDM: I VIDEO

Leggi tutto