Il Cdm respinge le dimissioni di Fitto

1' di lettura

Berlusconi è salito al Quirinale per incontrare il capo dello Stato Giorgio Napolitano. L'incontro è durato circa un'ora. Il premier ha poi lasciato il Colle prima dell'inizio del Cdm che ha respinto le dimissioni del ministro

I DATI SULL'AFFLUENZA

REGIONALI: LE FOTO - I RISULTATI - I COMMENTI - LA MAPPA - I GIORNALI

COMUNALI E PROVINCIALI: TUTTI I RISULTATI

Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, è salito al Quirinale per incontrare il capo dello Stato Giorgio Napolitano. L'incontro è durato circa un'ora. Il premier ha poi lasciato il Colle prima dell' inizio del Consiglio dei ministri, che ha respinto le dimissioni presentate dal ministro delle Regioni Raffaele Fitto dopo l'insuccesso del centrodestra in Puglia.

Fitto ha poi ringraziato il premier per la fiducia accordatagli "Ringrazio il presidente Silvio Berlusconi per la conferma della fiducia nei miei confronti e per la considerazione che ha manifestato per il mio operato nel governo", ha dichiarato in una nota. "Su questo fronte il mio impegno istituzionale, parlamentare e politico resta immutato anche nella prospettiva dell'impegnativo lavoro da svolgere nel programma di riforme già ampiamente avviato dal governo", ha assicurato. "Ringrazio anche tutti i colleghi del consiglio dei Ministri per la sostanza e la forma con le quali mi hanno attestato la loro stima",

La riunione del Consiglio dei ministri è la prima dopo le elezioni Amministrative.  All'ordine del giorno questioni di ordinaria amministrazione: l'esame preliminare del regolamento concernente norme relative al rilascio delle informazioni antimafia a seguito degli accessi e accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici; l'attuazione della direttiva europea relativa all'immissione sul mercato di prodotti pirotecnici; l'approvazione del ddl di ratifica del Protocollo per la modifica della Convenzione tra Italia e Russia per evitare le doppie imposizioni inmateria di imposte sul reddito e sul patrimonio e per prevenire le evasioni fiscali.



Leggi tutto