Di Pietro: pari dignità per l'Idv e il Pd

1' di lettura

Con le proiezioni che danno il suo partito in crescita in molte regioni, l'ex pm chiede che gli venga riconosciuto un nuovo ruolo nella coalizione: "non moglie ostica, ma marito capofamiglia". I grillini? "Protesta pura, noi partito del buon governo"

SEGUI LA DIRETTA DI SKY TG24

VAI ALLO SPECIALE ELEZIONI

I DATI SULL'AFFLUENZA - I GRAFICI REGIONE PER REGIONE


"E' arrivato il momento di lanciare un'opa politica per il buon governo del 2013". Antonio Di Pietro usa una metafora economica per invitare il Pd a un confronto "sulle cose da fare per creare una alternativa al governo Berlusconi". Dalla sede nazionale dell'Idv, dove sta seguendo i risultati delle regionali, l'ex pm chiede a Bersani "pari dignità".

Di Pietro si impegna a "rafforzare la coalizione" prevedendo che però alla fine l'Idv non farà la moglie ostica, ma il "marito capofamiglia". Al leader del Pd, Di Pietro porge un invito: "una persona seria e ragionevole, ma deve occuparsi in prima persona di alcune situazioni regionali del partito, e limitare il potere dei notabili locali".

A questo punto il leader dell'Idv ha fatto l'esempio della Regione Calabria: "Loiero ha subito una sconfitta pesante perché rappresenta un valore perdente. Il Pd ne tragga le dovute conseguenze anche perché noi l'avevamo avvertito per tempo".

Infine Di Pietro ha fatto una battuta sui "grillini" che hanno corso in Piemonte: "una sconfitta del centrosinistra non può essere imputata agli amici di Beppe Grillo perché loro rappresentano il fronte della protesta pura. Noi cercheremo di coinvolgere anche loro nel buon governo. Io sento molto - ha concluso Di Pietro - la responsabilità della costruzione di una coalizione per il governo del paese assumendo il ruolo di coprotagonista insieme al Pd". "Si tratta di un partito di protesta -afferma il leader Idv- che io rispetto e non criminalizzo, il mio compito è recuperare quella protesta".

Di Pietro invita invece a rilevare "il grande senso di responsabilita' dell'Idv: pure noi -spiega- potevamo limitarci a stare all'opposizione e forse avremmo ottenuto un risultato migliore. Ma Grillo denuncia un malessere sociale ma noi andiamo oltre e ci proponiamo come alternativa di governo". A tale riguardo "il risultato che abbiamo portato a casa -sottolinea ancora Di Pietro- ci responsabilizza ancora di più nel ruolo di coprotagonista e di pungolo della coalizione".

"Noi non solo aiutiamo a vincere ma anche a convincere a governare con le mani pulite. La crescita dell'IdV dimostra che il partito ha aumentato il consenso degli italiani, gli altri devono ancora dimostrarlo".

Leggi tutto
Prossimo articolo