Lombardia, il nuovo Governatore dovrà essere “ambientalista”

1' di lettura

La sfida per la poltrona più importante della Regione si combatterà sui soliti temi come sanità e bilancio. Ma con uno dei capoluoghi più inquinati d’Italia sarà impossibile per i candidati svicolare dal tema ambientale

La sfida per la poltrona da Governatore in Lombardia si combatte tra sei candidati, anche se i “favoriti” saranno Roberto Formigoni, del centrodestra e Filippo Penati del centrosinistra, con un outsider di lusso, candidato dell’Udc, Savino Pezzotta, figura storica del sindacalismo italiano.

Formigoni è alla sua quarta candidatura. Alla domanda del perché la gente dovrebbe votare ancora per lui, il Governatore uscente risponde: “Perché io è la gente la pensiamo nello stesso modo”. Penati invece punta sul cambiamento: “Dopo 15 anni di Formigoni è naturale cambiare e penso che la gente abbia voglia di un cambiamento significativo”. Mentre Pezzotta , da buon sindacalista, incentra il suo programma sui “problemi del lavoro e della famiglia”.

Sicuramente uno dei temi che ha animato la campagna elettorale è quello dell’ambiente, in una regione che ha visto diverse mobilitazioni popolari sul tema, con una città, Milano, che è tra le più inquinate d’Italia.  

GUARDA ANCHE:

Blocco del traffico: tutti a piedi tra le polemiche
Milano, lo smog ancora alle stelle
Cosa respirano davvero i milanesi? l'inchiesta di Vanguard
Domenica senz'auto a Milano: le foto
Genitori e figli in piazza contro lo smog. Le foto
Lambro, corsa contro il tempo per arginare il disastro
Smog a Milano: indagato Filippo Penati



Leggi tutto