Riforme, Berlusconi: tra me e Fini nessun contrasto

1' di lettura

Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, nega che almeno da parte sua ci siano contrasti con il presidente della Camera, Gianfranco Fini, ma precisa che nel Pdl decide la maggioranza e la minoranza si deve adeguare

VAI ALLO SPECIALE ELEZIONI

Nessun contrasto con Gianfranco Fini sul tema delle riforme. A negare l'esistenza di problemi con il presidente della Camera è stato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, parlando a Bruxelles prima dell'inizio dei lavori del Consiglio europeo.

"Non ho avuto nessuna occasione" di parlare con Fini sul presidenzialismo, "ho fatto soltanto delle dichiarazioni rispondendo a delle interviste - ha detto il premier, rispondendo alle domande dei giornalisti fuori dall'Hotel Conrad - per quanto mi riguarda non c'è nulla di contrasto e non ho mai detto una parola negativa al riguardo".
Piuttosto, ha continuato Berlusconi, "ho sempre e soltanto affermato che dentro un partito del 40% ci sono naturalmente posizioni e sensibilità diverse: quello che è importante è che si discuta e che si arrivi magari ad una decisione e che la minoranza accetti la decisione e il voto della maggioranza e che non ci siano delle contrapposizioni che siano sistemiche, continuative".

Berlusconi ha nei giorni scorsi rilanciato il progetto di riforma presidenzialista o del premierato, dopo aver sondato gli elettori "nei gazebo". Fini, da sempre presidenzialista, ha frenato sulla modalità rimandando a sedi più opportune per decidere sulle riforme istituzionali. Il premier ha poi detto di essere pronto a dialogare con l'opposizione dopo le regionali del 28 e 29 marzo. "Da parte mia non c'è nessun ostacolo", ha detto.

Leggi tutto