Incentivi, Fini: "Siamo ancora a vecchie logiche"

1' di lettura

A Verona il presidente della Camera ha espresso parere negativo sull'ultimo ordinamento degli aiuti economici, destinati ancora a beni di consumo. Il numero uno di Montecitorio ha anche auspicato che alle prossime elezioni gli italiani vadano a votare

GUARDA LO SPECIALE ELEZIONI

Partecipando a Verona alla presentazione del suo libro "Il futuro della libertà", Gianfranco Fini è intervenuto sul tema degli incentivi statali. Al riguardo il presidente della Camera ha espresso il suo disappunto per il modo, in cui essi sono stati recentemente delineati: "Quando si parla d'incentivi, siamo alla vecchia logica di destinarli a beni di consumo". Per il numero uno di Montecitorio sarebbe stato preferibile destinarli "alle imprese perché assumano giovani, evitando così che finiscano all'estero". Concludendo il dibattito al Teatro Nuovo della città scaligera, Fini ha anche toccato il tema delle prossime elezioni regionali, lanciando un appello a non disertare il voto: "Gli italiani vadano a votare, perché il voto rappresenta sempre e comunque una risposta ai malesseri. Disertare le urne non s'è mai rivelata una politica saggia". 

Guarda anche:
Incentivi, Bersani: non credo che servano
Incentivi, 300 milioni per cucine, motorini ed eco case
Scajola: quest'anno non ci saranno gli incentivi per le auto
Marchionne: il mercato auto si normalizzerà entro il 2013

Leggi tutto