Bersani: “Berlusconi dice amore, ma digrignando i denti”

1' di lettura

L’opposizione commenta la manifestazione del Pdl di ieri con ironia: "Un milione in piazza? Forse sono quelli che ha chiamato Verdini non quelli che c'erano". Mentre Letta commenta: “Il mondo è alla rovescia, un Governo che protesta contro l’opposizione”


GUARDA LO SPECIALE ELEZIONI

LE FOTO DELLA MANIFESTAZIONE


Il discorso di Silvio Berlusconi non è da "statista o da capo del governo" ma "da capopopolo". A bocciare l'intervento del premier Silvio Berlusconi dal palco di piazza San Giovanni è il segretario del Pd Pier Luigi Bersani che, insieme al resto dell'opposizione, non risparmia critiche al capo del governo.
   
Il botta e risposta con la maggioranza inizia sin dal pomeriggio quando dal palco della manifestazione del Pdl, Denis Verdini annuncia che a San Giovanni ci sono oltre "un milione di persone". Numeri subito contestati dal Partito Democratico: "Un milione in piazza? Forse sono quelli che ha chiamato non quelli che c'erano", ironizza il leader del Pd Pier Luigi Bersani. Ad alzare però il livello della polemica ci pensano alcuni passaggi dell'intervento del premier. Gli attacchi ai "magistrati politicizzati" e alla sinistra che, in caso di vittoria "renderebbe l'Italia meno libera" non passano certo inosservate.
 
 "Dalle parole di Berlusconi non è arrivato nulla di nuovo - osserva ad esempio il leader Democratico - abbiamo sentito le stesse parole che ripete da anni, dal 1994". Anzi, dice ancora Bersani: "Mi sembra che sia lui il picconatore degli elementi base della vita comune. Le regole vengono prima del consenso".
   
Giudizio negativo anche da Enrico Letta: "Oggi va in scena il mondo alla rovescia - sottolinea - un governo che va in piazza e protesta contro l'opposizione, invece di parlare delle soluzioni che deve proporre per il Paese". Le parole di Berlusconi non sono piaciute nemmeno a Walter Veltroni: "Mentre l'Italia è colpita dalla crisi economica - attacca l'ex leader democratico - il premier manifesta a Roma portando avanti  sempre lo stesso copione: attacchi ai magistrati e attacchi all'opposizione".
 
Parla di "attentano alla Costituzione" il leader dell'Italia dei Valori Antonio di Pietro che aggiunge: "Tutti possono andare in piazza - ribadisce l'ex pm - ma che il capo del governo, in un Paese democratico dove c'è la separazione dei poteri, organizzi il popolo contro la magistratura, non è un attentato alla Costituzione?".


GUARDA ANCHE
:

Berlusconi: "In piazza per reagire a giudici e sinistra"
Lazio, voto non rinviato. A Roma non ci sarà la lista Pdl
Inchiesta Trani: istruttoria su Innocenzi
Rai-Agcom: parte inchiesta Berlusconi trasferita a Roma
Berlusconi: punizione esemplare per le talpe di Trani
Inchiesta Trani, Berlusconi: il Colle sconfessa il Csm
Berlusconi indagato per minacce e concussione

Leggi tutto