Regionali, nuovo no del Tar alla lista Pdl a Roma

1' di lettura

La lista, già bocciata da tutti i gradi della magistratura amministrativa, era stata ripresentata in virtù del decreto interpretativo. Il Pdl ha annunciato che ricorrerà ora al Consiglio di Stato

GUARDA LO SPECIALE AMMINISTRATIVE

Il Tar di Roma ha nuovamente respinto la lista del Pdl per la circoscrizione di Roma e provincia alle elezioni regionali del 28 e 29 marzo. Lo hanno riferito fonti giudiziarie. La lista, già bocciata da tutti i gradi della magistratura amministrativa, ma ripresentata in virtù del decreto "interpretativo" varato dal Consiglio dei ministri, aveva incontrato un nuovo stop dalle commissioni elettorali di Roma, perché ritenuta incompleta di alcuni documenti.
Il Tar ha oggi avvalorato la decisione di queste commissioni e ha detto che il decreto legge, che per il governo avrebbe aperto  la strada alla riammissione della lista, è illegittimo, come riferiscono le fonti.

Contro il nuovo no del Tar il Pdl ricorrerà al Consiglio di Stato. Quello di stasera e' il settimo stop alla lista Pdl Roma: due sono arrivati dall'ufficio elettorale centrale, due dalla Corte d'Appello, due dal Tar (compreso quello di oggi) e uno dal Consiglio di Stato.

Guarda anche:
Il Tar del Lazio dice no alla lista Pdl nel Lazio
No del Consiglio di Stato alla lista Pdl nel Lazio
Regionali Lazio: la Corte d'Appello respinge il ricorso del Pdl
Regionali Lazio: riammesso il listino della Polverini
Elezioni nel caos, una lunga storia di rinvii e annullamenti

Leggi tutto