Rai, confermato lo stop ai Talk Show

1' di lettura

Nessuna marcia indietro in Commissione di Vigilanza sulla par condicio: è l'orientamento emerso oggi nel corso dell'audizione del direttore Mauro Masi. La bicamerale conferma l'attuale regolamento. Bersani: "pronto al dibattito tv su Sky con Berlusconi"

Non ci sarà nessuna modifica del  regolamento sulla Par condicio varato dalla commissione di Vigilanza.  E' quanto emerso nella seduta della stessa commissione, che oggi ha  ascoltato sull'argomento anche il direttore generale della Rai, Mauro  Masi.

L'orientamento espresso dagli esponenti della maggioranza  parlamentare in commissione è stato infatti molto chiaro: il regolamento resta com'è anche dopo la sentenza del Tar su quello  analogo varato dall'Agcom per le tv private. Dalle file della  maggioranza infatti è stata sottolineata la profonda differenza tra il servizio pubblico e le tv private, che non permette alcuna simmetria con il comportamento tenuto dall'Agcom, che ha invece  annullato il suo regolamento dopo il pronunciamento del Tar.

E intanto il segretario del Pd. Pier Luigi Bersani ribadicse la volontà di confrontarsi con il Premier in un dibattito televisivo su Sky: "Lo faccio anche con la sedia vuota - scherza Bersani - mi sembra una cosa civile, da paese democratico. Non cercherei la rissa ma mi confronterei pacatamente ma fermamente con il premier sui problemi del paese".

GUARDA ANCHE:

Par condicio, Cda Rai conferma lo stop ai talk show
Par condicio, il Tar boccia lo stop ai talk show
SKY: "Il Tar ha ristabilito la libertà"
Par Condicio, SKY annuncia ricorso al Tar
Su Sky Tg24 i confronti per le Regionali

Leggi tutto