Casini: "Berlusconi dovrebbe fare un atto di umiltà"

1' di lettura

Il leader dell’Udc, intervistato da SKY TG24, parla dei recenti "pasticciacci" delle liste elettorali. E ne ha per tutti: "Il premier facesse un esame di coscienza". E sul Pd: "Bersani subalterno a Di Pietro"


BERLUSCONI LITIGA CON IL CONTESTATORE. LE FOTO

VAI ALLO SPECIALE ELEZIONI

Berlusconi sbaglia a sovvertire la  realtà. Faccia il mea culpa e se la prenda con quelli del Pdl che  hanno sbagliato a presentare le liste. Così il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini commenta a "Un caffe' con..." su Sky Tg24 il contenuto della conferenza stampa di ieri a via dell'Umiltà del presidente del Consiglio.

"Riteniamo un errore da parte di Berlusconi accanirsi contro giudici e Radicali. Invece -dichiara Casini- dovrebbe fare esame di  coscienza serio e accanirsi contro i suoi che hanno sbagliato nella  presentazione delle liste. Qualsiasi ricostruzione non può alterare e capovolgere la realtà".

 "Quello che si è verificato -insiste il leader dell'Udc- è sotto gli occhi di tutti. In un primo momento gli esponenti del Pdl  hanno fatto mea culpa. Poi, dopo qualche giorno, si vede che hanno  pensato che non era conveniente fare il mea culpa e se la sono presa  con gli altri, Capisco che la migliore difesa è l'attacco -conclude  Casini- ma mi sembra che ieri Berlusconi abbia davvero esagerato".

Ma il leader del partito che si considera l’erede della Dc né ha per tutti. E dopo aver attaccao il partito di maggioranza, lancuia anche qualche stoccata all’opposizione: “la reazione del Pd di fronte alla vicenda dell'esclusione della lista del Pdl nel Lazio è sbagliata”. “Bersani sta  facendo un grave errore -ha commentato Casini- che è poi l'errore del bipolarismo italiano: da un lato comanda la Lega Nord e dall'altro Di  Pietro che fa la parte del Pifferaio Magico, suona il flauto e si  porta dietro tutti in piazza".

"Questa è un'impostazione sbagliata perché ieri Di Pietro ha subito rialzato la posta politica, chiedendo al presidente Napolitano  di non controfirmare la legge sul legittimo impedimento. Ogni giorno  ce n'é una nuova. Allora o il Pd ha il coraggio, ferme restando le  alleanze in sede locale dove ci sono esponenti dell'Idv con cui si  può ragionare, di rompere questa subalternità psicologica o i problemi in futuro si ripresenteranno sempre di più".

GUARDA ANCHE:

Caos liste, berlusconi: "I giudici ci hanno ingannato"
Regionali, Polverini: si va a votare con o senza Pdl
Lista Pdl del Lazio bocciata anche dalla Corte d'Appello
Ricorso bocciato, Il Tar dice no alla lista del Pdl a Roma
Roberto Maroni: se il Tar esclude la lista, la lista resta fuori
Napolitano: "Esclusione del Pdl non era sostenibile"
Le novità del decreto interpretativo
Liste, pubblicato il decreto. L'opposizione scende in piazza
Elezioni Lazio: ammessa la lista civica della Polverini

Leggi tutto