Da Avatar a Braveheart, elezioni da Oscar su YouTube

Luca Zaia si presenta sul web in versione manga
1' di lettura

In principio fu Emmatar, l'aspirante presidente del Lazio Bonino trasformata in un Na’vi in lotta per la sua terra. Ora che la corsa è entrata nel vivo, pullulano online i video dei candidati: dai maghi a Mel Gibson, fino a Luca Zaia in versione manga

GUARDA LO SPECIALE AMMINISTRATIVE

CAMPAGNA ELETTORALE SUL WEB: I VIDEO


di Serenella Mattera

In principio fu Emmatar. “Dna politico combinato con quello della gente comune”: così veniva presentata la candidata Emma Bonino. La corsa per le regionali del Lazio era ancora agli albori mentre nelle sale impazzava il film in 3D di James Cameron: i militanti radicali decisero di lanciare Emma trasformandola nel suo Avatar, in lotta per la sua terra con le battaglie su divorzio, aborto, obiezione di coscienza.

Adesso che la campagna elettorale è entrata nel vivo in tutta Italia, pullulano sulle televisioni locali, ma soprattutto sui canali YouTube, gli spot dei candidati. Ma se i più hanno deciso di rispettare il format tradizionale, fatto di slogan, declamazione di programmi e indicazione delle modalità del voto, alcuni hanno deciso di seguire le orme di Emmatar e lanciarsi in originali performance “cinematografiche”.

E chissà se Umberto Bossi se la prenderà a male, a guardare lo spot elettorale di Fausto Orsomarso. Il candidato del Pdl Calabria affida infatti il proprio messaggio al Mel Gibson di Braveheart, quell’eroe scozzese in lotta per l’indipendenza del suo popolo, in cui il leader della Lega ha detto più volte di riconoscersi e che ricorre anche nei video dei giovani padani. Chissà che effetto gli avrà fatto sentirlo parlare adesso non con un accento nordico, ma in uno stretto dialetto calabro.

Ambizioni da blockbuster anche per Giancarlo Cito, già deputato e sindaco di Taranto, che corre in Puglia a sostegno di Rocco Palese (Pdl). Il suo spot viene aperto dalla sigla della 20th Century Fox e dalle immagini di 300, film epico che racconta la battaglia delle Termopili. Con la colonna sonora a fare da collante, dai muscolosi spartani si passa a un certo punto al candidato in persona, ripreso in alcuni comizi e accompagnato da una scritta che promette: “Un uomo forte per il Sud. Tu puoi salvare la Puglia!!”.

Intanto la sfida in video tra i candidati presidenti della regione del tacco d’Italia, si dipana attraverso altre trame. Nichi Vendola affida all’attrice Lunetta Savino la lettura di una delle filastrocche che caratterizzano la sua campagna elettorale, sulle immagini di un cartone animato in cui fanno capolino i volti dei “cattivi” Rocco Palese, Raffaele Fitto e Silvio Berlusconi. Ma Palese prontamente ribatte con un finto mago, che legge le carte a un finto Vendola in difficoltà: “Mago, cosa devo fare?”, chiede aiuto il governatore uscente. Un video che è in realtà a sua volta la parodia dello spot elettorale per le regionali del Partito democratico, che ha come protagonista un sedicente “Mago Pidiello”.

Quanto ai grillini, in Campania per il candidato presidente del loro Movimento a cinque stelle, Roberto Fico, hanno deciso di far parlare le star di Hollywood e i Simpson, De Filippo e Troisi, Pertini e anche Berlusconi. Tutti a pronunciare, con accenti più o meno improbabili, lo slogan “Io sono Fico”. E mentre il ministro leghista Luca Zaia, in uno spot della campagna per la presidenza del Veneto si trasforma in manga, un giovanissimo come Luca Sappino, candidato di Sinistra e libertà nel Lazio, si mostra in video, novello “Zorro”, intento con uno stencil a lasciare il proprio segno sui manifesti di quei rappresentanti della “politica che occupa abusivamente tutti gli spazi”.

Guarda anche:

"We are the world for Polverini", la parodia su YouTube
Regionali, tutti sul web: la campagna ora si fa online
I maghi del web adesso vogliono far decollare Vendola
Facebook, i governatori passano da qui

Leggi tutto