Caos liste, Berlusconi: temo la reazione della piazza

1' di lettura

Le Corti d'Appello di Roma e Milano hanno confermato l'esclusione della lista del Pdl per le Regionali in provincia di Roma e della lista di Roberto Formigoni in Lombardia. Tra le ipotesi di un decreto legge ad hoc. Oggi il Pdl in piazza Farnese a Roma

Furibondo, no: "l'ira non è un sentimento che gli appartiene". Ma "preoccupato, si"'. E soprattutto per "le reazioni di piazza che potrebbero esserci da parte del nostro popolo".
Silvio Berlusconi viene descritto così  da chi ha partecipato alle riunioni di ieri sera a Palazzo Grazioli, per ciò che accade attorno alle elezioni regionali. Il premier, insomma, non parla apertamente di 'democrazia a rischio', ma guarda con più attenzione ai rischi che "elezioni falsate" portano in dote: la 'ribellione' alle ingiustizie e la 'protesta' contro i diritti negati.

Il Pdl ora, Forza Italia prima - è il ragionamento riferito - mai hanno cercato nella piazza un consenso o un'attenzione che le urne non hanno riservato loro. "Ma adesso, davanti ad un evidente disegno contro di noi - spiega chi ha visto il premier - o la soluzione viene dalla politica, prima ancora che dal Tar, o non so come andrà a finire...". Nelle discussioni a Palazzo Grazioli, più di una volta sarebbero stati richiamati casi di riammissioni di liste "al limite della decenza" e "tutte a senso unico" confrontati con i casi - più eclatanti - di Lazio e Lombardia, ma anche - "più inquietanti" - come quello della lista di 'disturbo' di Cota in Piemonte.

Ancora al centro dell'attenzione e della tensione politica il caos liste dopo la bocciatura di Formigoni e l'esclusione del Pdl nel Lazio.
La maggioranza in queste ore studia diverse ipotesi per uscire dal "pasticcio" come lo definisce il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Tra le proposte prese in considerazione anche quella di un decreto legge nella doppia configurazione o di norma interpretativa delle attuali regole sulla messa a punto delle liste o di misura che modifica i termini della loro presentazione. Ipotesi comunque assai difficili da mettere in pratica visti e considerati alcuni dati oggettivi come la decisa contrarieta' dell'opposizione e i forti dubbi del Quirinale verso tale soluzione. Dubbi che in qualche modo il Colle ha confermato ieri sera dopo che Giorgio Napolitano da Bruxelles, dove si trova in visita ufficiale, aveva parlato di un "pasticcio" liste.

Insomma, il caos elettorale arroventa il clima nel centrodestra. Nel pomeriggio è previsto un sit in del Pdl in piazza Farnese a Roma. E non si placano le polemiche dopo le affermazioni del ministro Ignazio La Russa che si è detto pronto a tutto. Piuttosto che impedirmi di presentare le liste "mi avrebbero dovuto arrestare" ha dichiarato. E prime delle decisioni delle Corti d'Appello di Roma e Milano aveva affermato: "Non vorrei fare la parte dell'eversivo ma lo dico chiaro e tondo: noi attendiamo fiduciosi i verdetti sulle nostre liste, ma non accetteremo mai una sentenza che impedisca a centinaia di migliaia di nostri elettori di votarci alle regionali. Se ci impediscono di correre siamo pronti a tutto".


Leggi anche:

Bonino: l'esclusione del Pdl? "Sciatteria e impunità"
Regionali, la Corte d'Appello non ammette lista Formigoni
"Non è candidabile": esposto contro Formigoni
Lista Pdl esclusa a Roma

Regionali, la carica dei 67
"Basta indagati": la richiesta di Facebook alla politica
Emma Bonino a Sky Tg24: "serve un'operazione di verità sul web"
Facebook, i governatori passano da qui
No, la Polverini no! I blog della destra scatenati

Leggi tutto