Regionali, stop al Pdl a Roma e a Formigoni in Lombardia

Roberto Formigoni e Renata Polverini
1' di lettura

La Corte d'Appello di Milano non ha ammesso la Lista Formigoni. Respinto anche il ricorso del Pdl, che non potrà correre a Roma città e provincia. Polverini: "ci affidiamo al Tar". Resta ancora sospeso il "listino" Polverini. Ammessa la lista civica

La Corte d'Appello di Milano ha respinto il ricorso contro l'esclusione dalle prossime elezioni regionali presentato dalla lista di cui è numero uno il governatore uscente della Lombardia Roberto Formigoni, che al momento risulta quindi escluso dalla competizione elettorale.

Pochi minuti dopo è arriva l'altra attesa notizia. La Corte d'Appello di Roma ha respinto il ricorso del Pdl, che non potrà correre alle Regionali del Lazio a Roma e provincia.

"Prendiamo atto di quanto avvenuto e, da questo momento il Pdl può presentare ricorso al Tar". Questa la prima reazione di Renata Polverini alla notizia dell'esclusione.

Per quanto riguarda il caso della lista dell'attuale presidente della Regione Roberto Formigoni, secondo i giudici non sono state rispettate le formalità. Nel motivare la bocciatura del ricorso della lista "Per la Lombardia" dalla Corte di Appello di Milano si ricorda che l'autenticazione delle sottoscrizioni delle firme "deve essere compiuta con le modalità'" previste dalle normative specifiche. Queste formalità, non sarebbero state a loro avviso, rispettate.
"Le formalità (accertamento identità dichiarante con indicazione delle relative modalità, attestazione della sottoscrizione in presenza dell'autenticante, data e luogo di autenticazione, qualifica del pubblico ufficiale e timbro dell'ufficio), ad avviso dell'ufficio sono il risultato di una scelta legislativa che ha tipizzato l'atto di autenticazione per renderlo idoneo a produrre i suoi effetti in qualsiasi ambito (...)".
"Le ricordate modalità - è scritto ancora nella decisione di 5 pagine - costituiscono quindi il minimo essenziale per assicurare la certezza della provenienza della sottoscrizione dal soggetto che figura averla apposta e devono coesistere tutte, così come indicato dal legislatore e compiersi contestualmente". Per i giudici "la richiesta del legislatore di autenticazione delle firme dei sottoscrittori risponde all'imprescindibile necessità di verificare che la presentazione della lista corrisponda effettivamente alla volontà della quota di elettori in essa indicata".

Il caso della lista del Pdl nella circoscrizione provinciale di Roma, bocciata perché presentata oltre la scadenza ufficiale, ha anche risvolti penali perché il Pdl ha denunciato i rappresentanti della lista Bonino-Pannella accusandoli di aver impedito l'ingresso in orario al loro delegato, che per questo non avrebbe potuto presentare la lista. I radicali a loro volta hanno denunciato per falso i  testimoni citati dal Pdl.

Resta intanto sospeso il "listino" della stessa Polverini, dopo che questa mattina il centrodestra ha presentato la documentazione richiesta dai giudici, come ha riferito il coordinatore regionale del partito, Vincenzo Piso.

La candidata presidente, in una dichiarazione alla stampa, ha definito la vicenda relativa al "listino" "una piccola questione procedurale che riguarda il listino, su cui penso avremo presto una risposta".

I giudici hanno sollevato ieri un problema di conformità nella presentazione del listino relativo proprio alla delega di Piso come presentatore.

Polverini oggi ha incontrato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta e il presidente della Camera Gianfranco Fini, con cui, ha detto, "abbiamo semplicemente definito quello che accadrà se, come io credo, il listino tornerà in campo. La mia lista c'è e quindi proseguiamo questa bellissima avventura...".

intanto La lista "Popolo della Vita-Voce dei Consumatori" sarà presente regolarmente nella competizione elettorale regionale del Lazio sostenendo la candida del Pdl alla presidenza della Regione Lazio, Renata Polverini, in quanto è stato accolto il ricorso presentato nei giorni scorsi presso gli organi competenti.

GUARDA ANCHE:


Caos liste Pdl, la furia di Berlusconi

Bonino: l'esclusione del Pdl? "Sciatteria e impunità"
Regionali, sospeso il listino della Polverini
Regionali, la Corte d'Appello non ammette lista Formigoni
"Non è candidabile": esposto contro Formigoni
Lista Pdl esclusa a Roma

Regionali, la carica dei 67
"Basta indagati": la richiesta di Facebook alla politica
Emma Bonino a Sky Tg24: "serve un'operazione di verità sul web"
Facebook, i governatori passano da qui
No, la Polverini no! I blog della destra scatenat


Leggi tutto