Il Cda Rai decide la sospensione delle “tribune politiche”

1' di lettura

Il Consiglio d’Amministrazione dell’emittente statale, in ossevanza delle norme sulla Par Condicio, ha deciso la sospensione dei programmi di approfondimento politico. Dura condanna dei sindacati di Saxa Rubra

Il Consiglio di amministrazione della Rai ha deciso oggi di sospendere una serie di programmi di approfondimento durante la campagna elettorale, come si legge in una nota:
"Il Consiglio di Amministrazione della Rai, in applicazione del Regolamento della Commissione Parlamentare per l'Indirizzo Generale e la Vigilanza dei Servizi Radiotelevisivi, ha deliberato a maggioranza la sospensione temporanea, per il periodo relativo alla seconda fase della campagna elettorale, della messa in onda dei programmi di approfondimento informativo “Porta a Porta” (Raiuno), “Annozero” e “L'ultima Parola” (Raidue), “Ballarò” (Raitre)".
I programmi - precisa la nota - verranno sostituiti, "ove possibile, con tribune elettorali", e "le puntate delle trasmissioni sospese verranno recuperate appena possibile".

La scorsa settimana l'Autorità per le garanzie nella comunicazioni ha stabilito che le norme sulla par condicio in vista delle Regionali valgano anche per le emittenti private e per la stampa, con una delibera che ha subito provocato la protesta di Mediaset, spingendola ad annunciare ricorso al Tar.

L’esecutivo dell’Usigrai, il sindacato dei giornalisti e operatori dell’emittenti radiotelevisive, ha commentato la decisione del Consiglio di Amministratori della Rai con amarezza: "E' uno dei momenti più bui per la libertà di stampa in Rai da quando esiste il Servizio pubblico radiotelevisivo. Il Cda a maggioranza ha voluto il bavaglio più soffocante, applicando nella maniera maggiormente restrittiva il già pessimo regolamento della Vigilanza, con la chiusura di tutti i talk show e i programmi di approfondimento giornalistico".   

GUARDA ANCHE:

Su Sky i confronti per le regionali
Par Condicio, norma confermata. restano limti ai Talk Show
Regolamento Par Condicio, Pd: "E' un bavaglio"

Leggi tutto