Regionali: parenti, vip e qualche macchia bipartisan

1' di lettura

Il 28 e 29 marzo gli italiani sono chiamati a eleggere i nuovi governatori e consiglieri di 13 regioni. Nelle liste politici di professione, ma anche show girl, figli d'arte, rinviati a giudizio e in attesa di sentenza

Il 28 e 29 marzo agli italiani chiamati a eleggere i nuovi governatori e consiglieri di 13 regioni non mancherà certo la possibilità di scelta: a fianco dei politici di professione, non tantissimi ma rappresentati ai massimi livelli da ministri come Luca Zaia (Veneto) o Mara Carfagna (Campania) e dalla pattuglia dei governatori uscenti Bresso, Formigoni, Errani, Spacca, Vendola, Loiero, ci sono show girl come la calabrese Italia Caruso o registi di fama indiscussa come Tinto Brass.
Ma anche figli di vittime della camorra come Maria Torre in Campania o indagati come il pugliese Tato Greco.
Un elenco che vede un premio Nobel (Dario Fo) e una astrofisica di fama mondiale come Margherita Hack, ma anche l'igienista dentale di Berlusconi la venticinquenne Nicole Minetti, e il fisioterapista del Milan Giorgio Puricelli.

Nel Lazio, figurano numerose donne, come Isabella Rauti Lidia Ravera o la giornalista Silvia Garambois, ma è l'Umbria ad avere il record "rosa", con quattro candidate governatore su sei concorrenti, tra le quali Paola Binetti (Udc). A proposito di donne, ad appoggiare Forza Nuova nel Lazio c'è una delle rappresentanti delle mamme di Rignano Flaminio.

Un capitolo a parte meritano i figli d'arte: Umberto Bossi schiera Renzo a Milano, a Roma corrono oltre alla Rauti anche Bobo Craxi e Pietro Sbardella, in Campania Angelo Gava ed Ettore Zecchino. E poi ci sono i "ritorni", come quello di Sandra Lonardo Mastella nella "sua" Benevento e a Napoli. C'è chi ha perso la sua competizione prima di iniziare: due aspiranti consiglieri delle liste che appoggiavano Giuseppe Scopelliti in Calabria, considerate candidature "non gradite". E non ce l'ha fatta l'operaio cassintegrato della Ardo Youri Venturelli nelle Marche.


Guarda anche:

"Basta indagati": la richiesta di Facebook alla politica
Emma Bonino a Sky Tg24: "serve un'operazione di verità sul web"
Facebook, i governatori passano da qui
No, la Polverini no! I blog della destra scatenati
Mara Carfagna capolista a Napoli
Regionali, 30enni nati in Rete: i candidati di Beppe Grillo
Elezioni regionali: grande è la confusione sotto il cielo
Facebook, i governatori passano da qui

Guarda le fotogallery:
Renata Polverini, la sindacalista di destra che piace anche a sinistra
Emma Bonino, la candidata alla Regione Lazio che unisce e divide

Leggi tutto