"La legge è uguale per tutti". Il Popolo Viola in piazza

1' di lettura

A quasi tre mesi dal No B-Day il movimento apartitico si raduna a Roma per la difesa dei principi costituzionali e contro le leggi ad personam. Centinaia di pullman da tutta Italia hanno portato i manifestanti in Piazza del Popolo. LE FOTO

A distanza di quasi tre mesi dal No B-Day il Popolo viola s'è nuovamente mobilitato e questa volta ha scelto uno dei punti nodali del centro storico romano, quale piazza del Popolo, per esprimere il proprio dissenso all'approvazione della norma sul legittimo impedimento. La manifestazione è iniziata intorno alle 15.00 del 27 febbraio e, ancora una volta, in centinaia di migliaia si sono radunati da tutta Italia grazie a un passaparola sul web. Lo slogan della manifestazione, promossa dal comitato organizzatore, che dal 4 febbraio tiene un sit-in permanente con un camper davanti a Montecitorio, ricorda che "La legge è uguale per tutti". Ma s'è scesi in piazza anche per denunciare lo "stravolgimento della giustizia", gli attacchi al mondo del "lavoro" e a "un'informazione libera e plurale". Numerose le adesioni dei grandi nomi del mondo dello spettacolo e della cultura, da Dario Fo a Franca Rame, da Mario Monicelli ad Andrea Camilleri, da Margherita Hack a Dario Vergassola, da Alberto Asor Rosa a Paolo Flores D'Arcais. Pur trattandosi di un'inziativa senza colore politico, alla manifestazione hanno partecipato esponenti di tutti i partiti del centro-sinistra e i leader dei Radicali.

Leggi anche:
Il popolo viola si mobilita per il 27 febbraio
Autobiografia del popolo viola
Il ritorno del popolo viola con l'ombra della scissione
Il popolo viola non molla
No-B Day, la prima volta (politica) della rete italiana
Il popolo della Rete dice no a Berlusconi
No B Day: dalla rete alla piazza, la scommessa del web

Leggi tutto