Emma Bonino: non alzo la bandiera bianca

1' di lettura

Dopo la nota diffusa dai radicali, la candidata alla presidenza della Regione Lazio Emma Bonino, parlando ad una iniziativa dell'Idv, smentisce l' ipotesi di rinunciare alla corsa per le regionali

"Non alzo bandiera bianca ma quella della democrazia. Dove non c'è legalità e uno stato di diritto prevale solo la legge del più forte, della giungla e dei furbetti. Cosi' perdiamo tutti e perde soprattutto il paese".
Cosiì la candidata presidente alla Regione Lazio Emma Bonino è intervenuta all'apertura della campagna elettorale dell'Italia dei Valori presso l'Auditorium di Confindustria a proposito della minaccia da parte della stessa candidata e di Marco Pannella, contenuta in una nota diffusa nella tarda serata di venerdì, di ritirarsi dalla competizione elettorale in quanto sarebbero negati gli accessi alle trasmissioni televisive.

"Dobbiamo evitare di non guardare alle illegalità di oggi. Dobbiamo combatterle altrimenti rischiamo di essere travolti. Le elezioni devono essere degne della civiltà giuridica del nostro paese. Dobbiamo pretendere ed esigere che le istituzioni -ha sottolineano Bonino- facciano il loro dovere".

Bonino ha poi rivolto un appello a tutti "coloro che si sono rassegnati a questo regime per ritornare alla legalità. Ho visto deroghe, leggine ad personam e questo non e' il modo di far vivere decentemente questo Paese. Da parte mia -ha aggiunto Bonino rivolgendosi alla platea- mi impegno alla trasparenza e alla legalita' più stringenti".

Leggi anche:
Emma Bonino a Sky Tg24: "serve un'operazione di verità sul web"
Arriva Emmatar: Emma Bonino diventa un eroe di Avatar
Facebook, i governatori passano da qui
No, la Polverini no! I blog della destra scatenati

Guarda le fotogallery:
Renata Polverini, la sindacalista di destra che piace anche a sinistra
Emma Bonino, la candidata alla Regione Lazio che unisce e divide


Tutte le notizie sulle elezioni Regionali 2010

Leggi tutto