Regionali, si vota anche su Facebook

Il sito regionalisufacebook.it dal quale è possibile verificare l'indice di gradimento dei candidati governatore sul web
1' di lettura

La Seolab ha creato una applicazione che per testare l’indice di gradimento dei candidati alle regionali utilizza come unico parametro il più noto social-network. Tra i politici più popolari, Nichi Vendola, Roberto Formigoni ed Emma Bonino

di Filippo Maria Battaglia

E se Facebook votasse alle prossime elezioni regionali?
La domanda non è poi così velleitaria.
Da tempo, infatti, il social-network è diventato uno dei più straordinari aggregatori politici.  L’exploit di Obama alle ultime presidenziali americane ne è una prova, che in Italia non è rimasta isolata. Beppe Grillo, Antonio Di Pietro e Roberto Formigoni (solo per citare i tre più attivi nella rete) hanno utilizzato a piene mani Facebook & Co. per lanciare le proprie campagne elettorali, senza dimenticare i movimenti (su tutti, quello del popolo viola) che proprio grazie al più noto dei social-network sono riusciti a trasformare alcune manifestazioni da virtuali a reali (il "No B-day" è forse l'esempio più clamoroso).

Una potenzialità, questa, che non è sfuggita ad analisti e sondaggisti. Così, a poco più di un mese dalle elezioni regionali, la Seolab, una società di marketing e social media, ha pensato di testare l’indice di gradimento dei principali candidati governatore senza più ricorrere alle solite telefonate, ma prendendo come unico campione uno dei maggiori social-network.
Collegandosi al sito regionalisufacebook.it, e selezionando una delle tredici coppie dei candidati che si fronteggeranno alle prossime elezioni del 28 e 29 marzo, si può scoprire in tempo reale chi è il favorito, almeno dal punto di vista della comunicazione in rete.

Attenzione, però: “le misurazioni – spiegano da Seolab – sono tipo quantitativo e non qualitativo. L’applicazione considera infatti quante volte viene ricercato un determinato nome sul motore di ricerca di Facebook e quanti fan sono iscritti ai gruppi dei principali candidati”. Nessun misuramento scientifico simile a quello dei sondaggi dunque, ma al contrario un complesso conteggio aritmetico.
Tra i più forti, Nichi Vendola, Roberto Formigoni ed Emma Bonino. Adesso resta solo da vedere se, da qui al 28 marzo, le “amicizie” contratte in rete si trasformeranno in preziose preferenze.

Leggi tutto