Elezioni, adesso la campagna di Formigoni diventa “hard”

Uno dei manifesti elettorali di Roberto Formigoni
1' di lettura

Il governatore della Lombardia, che si appresta a correre per il quarto mandato, ha presentato otto nuove canzoni, ispirate a quelle dei cantanti rock, da utilizzare come suonerie. Se il programma musicale è chiaro, quello di governo può attendere

Fino a ieri era “come Obama”, anzi di più: perché Barack “ha certamente innovato molto, e qualche ispirazione l’ho presa da lì, ma per altri aspetti sono anche andato avanti”.
Ora, Formigoni rilancia: dopo aver creato una piattaforma digitale con una radio e una tv web (“in nove giorni – assicura - abbiamo avuto 70.000 utenti unici, raccogliendo 150 proposte arrivate dai cittadini), punta tutto sulla musica.
Da oggi, collegandosi al suo sito e inviando un mms gratuito (“paga tutto Roberto” tranquillizza il governatore) è possibile scaricare otto suonerie di una ventina di secondi l’una. “Musiche inedite, le abbiamo fatte tutte noi, ed infatti le abbiamo registrate alla Siae - ha spiegato il presidente della regione – ma da cultore della musica, specie di quella rock, ho tratto ispirazione da alcuni dei miei cantanti preferiti: Elisa, AC/DC, Nirvana, Zucchero e Green Day”.
Testi originali d'accordo, anche se non esattamente d’autore: “sono Roberto Formigoni, saremo tutti insieme amici per rendere la Lombardia ancora più forte e più bella” si sente in uno dei motivetti. “I messaggi sono immediati, ma questo è un altro passo innovativo di una nuova politica che cerca di raggiungere il cittadino” spiega il presidente e tiene poi più volte a puntualizzare che “le registrazioni sono state fatte di domenica”.
In questi giorni, secondo quanto riferito da alcuni quotidiani, il tour de force del presidente sarebbe serratissimo: “per stare dietro ai mille impegni” Formigoni è “dimagrito qualche chilo per essere 'più leggero e scattante' e ha anticipato un po’ la sveglia” arrivando alle sette e mezzo di mattina negli uffici della regione.
Comprensibile, la densità dell’agenda: oltre a musica e manifesti per l’inizio della campagna elettorale, in queste ultime settimane, il numero uno della Regione ha dovuto affrontare l’inizio dei lavori dell’Expo, l’arresto di un ex assessore della sua giunta, il problema smog (per il quale è anche indagato insieme ad altri amministratori lombardi) e gli aiuti ad Haiti (con tanto di polemica con il capo della protezione civile Guido Bertolaso, che giorni fa lo ha accusato di aver “promosso un intervento in completo isolamento”).
Formigoni, tuttavia, non si fermerà qui: “l’iniziativa musicale non sarà l'unica – ha detto - ho in serbo qualcos’altro, tra una decina di giorni vedrete”. Per il programma (“su cui comunque stiamo lavorando”), bisognerà invece aspettare altre due settimane.

Leggi tutto