Regionali, si candida anche “il popolo di Facebook”

La pagina del gruppo "Il popolo di Facebook"
1' di lettura

Alle prossime amministrative si presenterà anche un gruppo nato sul social-network che si dichiara lontano dagli schieramenti politici. A fondarlo, un giovane cosentino. Già stampati i primi manifesti

Si propone di diventare “un sistema democratico che porterà la parola del popolo al parlamento regionale”, può già contare su più di millecinquecento iscritti e ha l’obiettivo di presentare candidati “autonomi dalla politica” alle prossime elezioni amministrative.
“Il popolo di Facebook” è uno dei tanti gruppi fondati  sul social-network, ma sembra avere un obiettivo più ambizioso: presentarsi con una lista civica in ogni regione italiana.
Ad avere l’idea è stato Francesco Battaglia, un giovane commerciante cosentino che – come si apprende dal suo profilo – è in cerca di “amici in rete”.
Battaglia si dice certo dell'appoggio di diversi consiglieri comunali e regionali.
“Le nostre candidature - ha detto il fondatore in un’intervista all’agenzia Reuters - verranno decise all'unanimità via Internet”. “La mia lista – ha proseguito Battaglia – non ha nulla a che vedere con il popolo viola”, che lo scorso dicembre proprio grazie al tam tam su Facebook ha organizzato il “No B-Day”.
Nel frattempo, il movimento ha già stampato i primi manifesti, utilizzando i tipici colori (bianco e blu) del social-network. I cartelloni sono però già finiti nell’occhio del ciclone: l’accusa, mossa da alcuni utenti, è di “imbrattare le colonne e i muri di piazza Vittorio”, a Roma. Addebiti che non sembrano distrarre gli iscritti al gruppo: “continuiamo cosi – scrive Roberto - siamo sempre di più, e solo cosi potremmo far valere i nostri diritti”. (F.M.B.)

Leggi tutto