Berlusconi: tasse ferme malgrado la crisi

1' di lettura

Il premier: "Mantenuti impegni sulle infrastrutture senza mettere le mani nelle tasche degli italiani". Bersani: con questo governo "record crescita delle imposte"

Siamo riusciti a non aumentare nessuna imposta e a non mettere e mani nelle tasche degli italiani", e nonostante la crisi l'Italia c'è e va avanti. Sono queste le parole, sempre all'insegna dell'ottimismo, di Silvio Berlusconi, intervenuto stamattina alla Regione Toscana per siglare un'intesa sulle infrastrutture. E tutto questo nonostante le grandi emergenze affrontate durante gli ultimi mesi, in Abruzzo, in Campania e a Viareggio".

Ma il segretario Pd, Pierluigi Bersani, rileva che "le ultime rilevazioni dicono che nel 2010 si lavorera' per il fisco fino al 23 giugno. Lui continua a ripetere che non ha aumentato le tasse, ma i dati lo smentiscono: abbiamo battuto ogni record".

Guarda anche:
Berlusconi: la crisi non consente la riduzione delle tasse
Riforma del Fisco, niente tagli delle tasse nel 2010
Riforme, Tremonti: serve prudenza
Riforme, Berlusconi: "Avanti con fisco, scuola e giustizia"

Leggi tutto